Inclusione sociale al Sud: circa 5 milioni di euro destinati all’Abruzzo



Abruzzo – Saranno destinati all’Abruzzo circa 5 milioni di euro del Programma Operativo Complementare di azione e coesione “Inclusione 2014-2020“, del quale è titolare il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

Nella distribuzione delle risorse, 55,7 milioni di euro saranno riservati alle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e 15,2 milioni alle regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna).

Il POC concorre al perseguimento delle finalità strategiche del Fondo Sociale Europeo nella lotta alla povertà, nel miglioramento dell’inclusione sociale, nella promozione dell’uguaglianza di genere, la non discriminazione e le pari opportunità. In particolare, il POC si propone di migliorare l’organizzazione del welfare locale, con azioni volte a:

  • rafforzare la capacità dei servizi sociali territoriali di prendere in carico i destinatari finali, nonché di operare in rete con le altre amministrazioni competenti sul territorio in materia di servizi per l’impiego, tutela della salute e istruzioni, e con soggetti privati, in particolare enti non profit;
  • supportare l’implementazione di un sistema informativo dei servizi e delle prestazioni sociali utilizzabile dalle amministrazioni;
  • favorire l’accessibilità ai servizi da parte della popolazione Roma;
  • ridurre la marginalità estrema (senza dimora) sia potenziando la rete dei servizi per il pronto intervento sociale, sia con azioni di distribuzione di prodotti alimentari e altro materiale di base.
Fonte: Ministro per il Sud e la Coesione territoriale