Incidenti in montagna: turista precipita col parapendio e un soccorritore rimane ferito per aiutare un alpinista sul Gran Sasso



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Era con un gruppo di turisti per un lancio con il parapendio a Tocco da Casauria (Pe), ma invece di atterrare sul prato è finita contro una parete rocciosa, precipitando per 10 metri. Ha riportato diverse fratture, ma fortunatamente non è in pericolo di vita una turista francese, poco più che trentenne in vacanza in Abruzzo con il fidanzato.

La ragazza si è lanciata, ma forse a causa di una planata errata è finita contro la parete rocciosa ed è poi precipitata per 10 metri. Subito il fidanzato e gli altri escursionisti hanno allertato il 118, che ha attivato il protocollo dei soccorsi in montagna. È decollato dall’aeroporto di Pescara un elicottero con a bordo sanitari e tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese che hanno soccorso la ragazza, trasportata all’ospedale di Chieti.

Nel teramano, invece, erano in due per un’arrampicata in parete rocciosa sul Gran Sasso, in particolare nella zona a ridosso del ghiacciaio del Calderone, sul versante settentrionale del Corno Grande. Ad una tratto uno dei due alpinisti si è infortunato e l’amico ha contattato il 118, partita la macchina organizzativa dei soccorsi in montagna, con un elicottero con a bordo sanitari e tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese.

Giunto sul luogo dell’incidente, un tecnico del Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese si è infortunato per soccorrere l’alpinista, che è stato poi recuperato da un altro tecnico e trasportato in ospedale.

Comunicato stampa Cnsas Abruzzo