Incendio in una rimessa ad Ortucchio, l’intervento tempestivo di due Guardie Giurate scongiura il peggio



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Ortucchio – Un incendio improvviso nel cuore della notte in una rimessa di un’abitazione e l’intervento tempestivo di due Guardie Giurate che ha scongiurato il peggio.

E’ quanto accaduto nella notte tra sabato e domenica, intorno le due e trenta, in una villetta di Ortucchio.

Le due Guardie Giurate, Cristian Tiberti di Capistrello e Walter Travi di Avezzano, si trovavano per motivi di lavoro a passare in quella zona quando si sono accorti delle fiamme provenienti da un contaneir/rimessa e di una signora che, in maniera molto concitata, chiedeva aiuto.

Immediatamente le due Guardie hanno prestato soccorso alla donna e messo in salvo le persone che in quel momento dormivano nella villetta e che non si erano accorte dell’incendio.

Con l’aiuto del proprietario della villetta Maurizio D’Aurelio e del giovane figlio, e di tutte le persone accorse sul posto, hanno poi allontanato alcune bombole del gas presenti nella rimessa e le autovetture parcheggiate nelle vicinanze per evitare il peggio. Nel tentativo di spegnere l’incendio il giovane Michele D’Aurelio, di appena 23 anni, ha cominciato ad accusare problemi di respirazione a causa dei fumi sprigionati dalle fiamme.

Sono immediatamente arrivati sul posto i Vigili del Fuoco di Avezzano e i Carabinieri di Ortucchio che hanno subito messo in sicurezza l’intera area e l’Ambulanza del 118 per prestare soccorso. Dai primi accertamenti sembrerebbe che le fiamme si siano sprigionate dal compostatore, che era posizionato a fianco al container, per auto combustione.

Un plauso alle due Guardie Giurate Cristian e Walter che, senza esitazione e grande umanità e coraggio, hanno messo a rischio la propria incolumità per salvare vite umane.

Voglio ringraziare tutte le persone che hanno aiutato me e la mia famiglia durante l’incendio” commenta il sig. Maurizio D’Aurelio.

Innanzitutto vorrei ringraziare la sig.ra Elena, vicina di casa, che per prima si è accorta dell’incendio e che ha subito chiamato i Vigili del Fuoco mentre tentava di avvisarci suonando il citofono che, purtroppo, era già fuori uso a causa dell’incendio. Vorrei ringraziare anche la mia famiglia e gli amici che subito, con grande lucidità, si sono messi all’opera, le due Guardie Giurate che sono intervenute, la Croce Rossa, i Vigili del Fuoco di Avezzano e i Carabinieri per averci dimostrato grande umanità, comprensione ed altissima professionalità. Ed infine vorrei fare un ringraziamento speciale a mio figlio Michele che ha dimostrato un enorme coraggio nell’affrontare la difficile situazione rischiando la propria vita e che, a causa dei fumi respirati, è stato sottoposto alla respirazione con l’ossigeno per 40 minuti” continua D’Aurelio.

Infine il proprietario della villetta, residente a Bolzano ma di origini di Ortucchio, fa un appello alla politica regionale.

I soccorsi hanno agito nel miglior modo possibile e anche in tempi brevi ma gestire un territorio, come quello della Marsica, così vasto non è semplice. Mi permetto di segnalare il modello di primo intervento che viene adottato in Alto Adige a Bolzano, un modello basato esclusivamente sul volontariato che utilizza i mezzi di proprietà della Provincia. Sarebbe utile studiare, a mio parere, questo modello per migliorare il servizio e per valorizzare ancora di più il lavoro e la professionalità di chi si mette a disposizione della collettività” conclude D’Aurelio.