Inaugurato l’impianto di arrampicata del Liceo Scientifico “Vitruvio Pollione” di Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Nella mattinata di giovedì, 21 novembre, è stata inaugurata la parete di arrampicata del Liceo Scientifico “Vitruvio Pollione” di Avezzano.

Presso l’aula Conferenze si è tenuta una breve presentazione dell’evento con i saluti istituzionali, prima della Prof.ssa Emi Di Stefano (coordinatrice della cerimonia), poi del Dirigente dell’Istituto Scolastico il dott. Francesco Gizzi.

Questa struttura è stata realizzata con le risorse dei fondi strutturali europei PON 2014/2020” dichiara Gizzi “considerata la peculiarità del nostro territorio, essenzialmente montano, è una struttura che darà la possibilità ai nostri ragazzi di praticare l’arrampicata, un magnifico sport. Oggi sarebbe dovuto essere tra noi lo scrittore Erri De Luca, appassionato di arrampicata, che però non è potuto venire ma che vi porta i suoi saluti. La parete di arrampicata verrà utilizzata non soltanto dai nostri ragazzi del liceo ma, attraverso delle convenzioni con le scuole, anche dai ragazzi delle scuole primarie e secondarie per fare nel pomeriggio dei corsi di arrampicata. Ma non solo. Servirà anche in futuro, con un nuova parete che dovrà essere aggiunta e per la quale stiamo lavorando per trovare le risorse, per le gare nazionali ed internazionali.

Il Prof. Antonello Passacantando (Coordinatore Ufficio di Educazione Fisica U.S.R. Abruzzo) “sono particolarmente emozionato di essere qui perché il mio cuore è per metà aquilano e per metà marsicano. Per questa struttura voglio fare i complimenti al Dirigente Gizzi e ai professori di educazione fisica. Una struttura nuova ed unica a livello scolastico in tutta la Regione.

In ricordo di questa giornata è stata consegnata dal Prof. Passacantando una targa raffigurante il Rosone della Basilica di Collemaggio di L’Aquila, divenuto il simbolo del post terremoto per gli aquilani e per tutti gli abruzzesi.

Infine è intervenuta la Guida Alpina Pierluigi Taccone (Orsi Marsicani Climbing) “sono onorato di far parte di questa avventura che il Preside Gizzi ha voluto abbracciare. La mia diponibilità sarà totale. L’arrampicata sportiva per la prima volta arriva ad essere rappresentata come sport, in prova, nelle Olimpiade di Tokio e verrà assegnata la prima medaglia. E’ uno sport che nasce dall’alpinismo, un’attività che non è priva di rischi anzi, è l’espressione massima del rischio e della capacità dell’uomo di gestire questi rischi, di ridurli al minimo e di accettarli. Ma l’arrampicata sportiva pian piano, negli anni, è diventata una disciplina a sé, staccandosi dall’alpinismo. Oggi viene praticata in una struttura certificata e in un ambiente protetto con le sue tre specialità (lead, speed e boulder). In questa speciale occasione voglio ricordare il paraclimbing. Sabato prossimo ci sono i Campionati Italiani a Lecco ed un nostro amico e collega Federico Di Felice (Orsi Marsicani Climbing) è l’attuale detentore del titolo nazionale della categoria MP3. Un grande in bocca al lupo a Federico che dovrà difendere il titolo italiano.

Gli studenti invitati a partecipare all’inaugurazione, e tutti i presenti tra cui anche Alessio Angeloni (CAI Abruzzo e Avezzano), Fabio Manzocchi (Soccorso Alpino Abruzzo e Avezzano), Federica Bernetti (FASI Comitato Abruzzo), si sono poi spostati nel cortile della scuola per assistere al taglio del nastro e alla dimostrazione pratica di arrampicata magistralmente eseguita da Andrea Taccone, Francesco Colasi, Sergio De Santis, Lucrezia Parmegiani, Claudia Fracassi e Michela Santucci, studenti vitruviani.

 

Foto di Manuel Conti