In tre rubarono un’auto e tentarono di investire un carabiniere. Patteggiano la pena e tornano in libertà



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
Avezzano. Sono comparsi davanti al Tribunale di Avezzano, per rispondere di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale e hanno patteggiato 6 mesi di reclusione e 120 euro di multa, con pena sospesa.
Si tratta di Yacine DAHHAK, classe 1991, Mohammed EJEMEL, classe 1984, Mohammed OUKABLI classe 1986, tutti magrebini. I tre erano stati fermati dai carabinieri della compagnia di Avezzano, la notte dello scorso 24 ottobre, a Trasacco, dopo che avevano rubato una Lancia Ypsilon.
Ai tre i militari intimarono l’Alt a un posto di blocco e, per eludere i controlli, con una brusca manovra tentarono di investire un carabinieri per poi darsi alla fuga.
Raggiunti dopo un inseguimento conclusosi tra Via Colonna e Via Mazzarino, ci fu poi la fuga a piedi ma comunque ebbero la meglio i militari.
I tre, difesi dagli avvocati Mario Del Pretaro, Mauro Ceci e Mario Flammini hanno patteggiato la pena, con sospensione condizionale.
Yacine Dahhak, era sottoposto a custodia cautelare nel carcere di San Nicola, mentre Mohammed EJEMEL e Mohammed OUKABLI erano sottoposti all’obbligo di firma. Dopo la sentenza, sono stati rimessi subito in libertà.



Lascia un commento