In migliaia per la tradizionale Processione della Madonna di Pietraquaria



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Sotto un cielo grigio e con temperature invernali si è tenuta anche quest’anno, come da tradizione, la Processione della Madonna di Pietraquaria.

Come ogni anno, il corteo è partito dal Monte Salviano fino ad unirsi ai fedeli avezzanesi in via Napoli. Hanno partecipato migliaia di persone, con in testa il vescovo, Monsignor Pietro Santoro, le autorità civili, militari e religiose.

La carovana della Santa Patrona, un fiume di gente, confraternite, associazioni, parrocchie, rioni, dopo aver percorso via Napoli, via Roma (con breve sosta davanti al luogo dove fu incoronata il 16 settembre del 1.638), via Monte Velino, Piazza Matteotti, via Garibaldi, via XX Settembre, via Colanieri, piazza della Repubblica, via Marconi ha raggiunto la Cattedrale dei Marsi , dando il via alla concelebrazione della Santa Messa presieduta dal Vescovo dei Marsi.

GUARDA IL FOTO-RACCONTO DELLA PROCESSIONE

L’IMMAGINE SACRA DI MARIA SS. DI PIETRAQUARIA

Di autore di epoca ignota, su legno, di stile bizantino, in piedi, quasi in cammino, presenta Gesù Bambino e pare che dica: “Lo accetti tu?”. E la Via, la Verità, la Vita. Il borgo medioevale sui mille metri, chiamato Pietraquaria (perché vi si scavavano pozzi nella pietra per rac­cogliere acqua), onorava la madonna nella Chiesetta di S. Maria e nel 1188 fornì cinque soldati al re nor­manno Guglielmo il Buono (come attesta un documen­to del barone di Albe). Dopo le vicende belliche tra Carlo D’Angiò e Corradi­no di Svevia ai Piani Palentini (1268), il Borgo scom­parve, ma rimase la Chiesetta di S. Maria e il culto della Madonna. Dopo il 1.600 vari documenti affermano il culto po­polare con grazie e miracoli. Da quest’epoca nasce la leggenda del pastorello sordo muto che pascolava il gregge sul Salviano. Gli appar­ve la Madonna vestita di sole e gli ordinò: « Vai ad Avezzano e dì al parroco che restauri la mia chiesetta». Il fanciullo andò e miracolosamente parlò e udì. Il 27 aprile del 1779 al popolo raccolto in fervente pre­ghiera per una calamitosa lunga siccità, la Madonna concesse miracolosa improvvisa e abbondante pioggia. L’evento è rimasto memoriale perenne nella festa del 27 aprile, ricca di caratteristico folklore: devozione e preghiere, canti e processioni nella notte con “focaracci”, fuochi pirotecnici, banda,in onore di Maria SS. di Pietraquaria pa­trona di Avezzano e della Marsica.

Foto di Antonio Oddi




Lascia un commento