Immondizia abbandonata e sporcizia, il Campo dei Ferrovieri lasciato nel degrado



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano. Immondizia ovunque, sporcizia e degrado. Si presenta così il Campo dei Ferrovieristorico ritrovo del dopolavoro ferroviario nella zona nord di Avezzano.

Da come si evince dalle foto, il campo verte in un stato di abbandono e incuria, tra vetri, residui di plastica, pannolini, buste, scarpe, stoffe di dubbia provenienza, tubi di rame – in passato sono state rinvenute anche siringhe usate –  che denotano l’inciviltà e la mancanza di rispetto di chi ha pensato bene di smaltire certi rifiuti, lasciandoli nel bel mezzo del verde di un campo accessibile a tutti.

Per non parlare degli insetti e dei topi che la sporcizia può attirare e le sporgenze esterne della recinzione del campo che possono ferire i passanti.

Negli ultimi tempi, i residenti si sono visti affiggere un cartello in cui si richiede “ai conduttori dei cani” che frequentano la zona e che utilizzano il campo per far correre i propri amici a quattro zampe, “di raccogliere le deiezioni degli stessi al fine di evitare di schiacciarle”.

Anche i bisogni di cani lasciati in strada sono un problema, è vero, ma nulla al confronto del degrado in cui è stato abbandonato il Campo.

E luogo sporco, dove, è doveroso ricordare, più di un anno fa è stata installata un’antenna di telefonia mobile, nonostante le lamentele e il malcontento dei residenti di via Monte Viglio, che quotidianamente si ritrovano, ad oggi, ad ammirare il “colosso” della Vodafone e ad essere in contatto con onde elettromagnetiche, delle quali la pericolosità è certa.

Una mappatura delle antenne, con un relativo studio, in città eraa stata promessa già tempo fa ma nulla ancora è stato fatto.

Considerato che non è stato possibile rimuovere l’antenna, i residenti chiedono a gran voce che si provveda al più presto al ripristino di una situazione igienico-sanitaria accettabile, con la speranza che eventuali operazioni di disinfestazioni diventino periodiche e non utopiche.

 




Leggi anche

Lascia un commento