Il “Vitruvio” e le sue buone pratiche didattiche: un momento di condivisione e disseminazione delle esperienze



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Mercoledì 29 novembre presso l’IIS Da Vinci-Colecchi dell’Aquila si è tenuta una giornata informativa sul Clil, organizzata dall’università di L’Aquila e dall’USR Abruzzo. Tra i relatori i docenti Tiziana Scenna e Carmine Di Giustino del Liceo Scientifico “Vitruvio” di Avezzano, i quali hanno parlato della lunga attività di formazione linguistica e metodologica svolta all’interno del “Vitruvio” e del ruolo dei docenti di lingue.

Hanno inoltre presentato il lavoro svolto nel passato, nel presente e le iniziative future (corso 5-9 febbraio 2018 con Peeter Mehisto e Tuula Asikainen, Cliledu) ed hanno inoltre sottolineato l’importanza dell’internalizzazione del “Vitruvio” in campo Clil, con un Eradmus Ka2 dove questa metodologia è stata sottoposta a verifica in Belgio, Olanda, Spagna, Macedonia, Olanda, Grecia e Italia. L’accento è stato mposto dai due relatori sull’importanza dei progetti europei Erasmus Plus A1 e A2 in quanto rappresentano un mnomento di confronto e di disseminazione di buone pratiche didattiche.

Il progetto Erasmus KA2 denominato “Beyond and Louder than Words” ha posto l’accento in primis sulla metodologia CLIL e la sua importanza nella motivazione, con materiali prodotti da tutti i partner e che saranno poi illustrati e discussi nell’output finale, ma poi si è lavorato sulle metodologie di active learning, high performing students, inclusività, debate, uso consapevole delle tecnologie. Altri temi saranno oggetto di studio nei prossimi meeting in Italia e Grecia.




Lascia un commento