Il sindaco di Civita d’Antino chiede la revoca immediata dell’ordinanza del Presidente della Giunta Regionale

Civita d’AntinoSara Cicchinelli, sindaco di Civita d’Antino, non ci sta e chiede l’immediata revoca dell’ordinanza del Presidente della Giunta Regionale n. 82 del 09 settembre 2020 con la quale sono state imposte misure restrittive ad alcuni comuni abruzzesi tra cui, per l’appunto, quello di Civita d’Antino. Oggi, il sindaco Cicchinelli presenta la sua richiesta di revoca con la quale evidenzia che le restrizioni “risultano inopportune per il Comune di Civita d’Antino in quanto al momento non siamo interessati da focolai che potrebbero coinvolgere i residenti“.

Il primo cittadino, inoltre, fa rilevare che a causa dell’ordinanza n. 82/2020 del Presidente della Giunta Regionale, molte persone che si trovavano in paese, nelle loro seconde case, sono andati via repentinamente causando ulteriori danni alle attività economiche. Le restrizioni, si legge nella comunicazione, “non si addicono alla situazione che si è creata nel nostro Comune ma molto probabilmente sono stati presi i numero dei positivi senza procedere a una analisi della situazione, molto diversa da quella creatasi nella Valle Peligna“.

I risvolti del provvedimento del Presidente della Regione, dunque, sarebbero solo negativi per il piccolo centro marsicano visto che avrebbero generato anche una condizioni di panico ingiustificato tra la popolazione.

LEGGI ANCHE:

Misure restrittive Covid-19 per il Comune di Civita D’Antino