“Il Re da Roma a Brindisi. Una pagina di storia” il nuovo libro dello scrittore avezzanese Guido Jetti



La casa editrice “Edizioni Kirkerende nota luscita del libro  “Il Re da Roma a Brindisi. Una pagina di storia” di Guido Jetti prefazione di Gustavo Pansini 

Dalla quarta di copertina: «Nell’esposizione dei fatti convulsi che si consumarono nell’estate del 1943, a partire dalla sfiducia a Mussolini fino all’indomani dell’8 settembre, l’Autore analizza la portata dell’allontanamento da una Roma ormai minacciata dai nazisti, del so- vrano Vittorio Emanuele III di Savoia, insieme ad alcuni esponenti della famiglia reale e del capo del governo, il maresciallo Pietro Badoglio. L’avvenimento, passato alla storia – con evidente accezione negativa – come “fuga di Pescara”, che molta influenza ebbe nell’esito del referendum istituzionale del 1946, deve probabilmente essere riletto nei ter- mini di un «“trasferimento”, ineludibile e consapevole, che riuscì a scongiurare la liquefa- zione dello Stato» e ad assicurarne la continuità in uno dei momenti più drammatici del nostro ultimo secolo». 

Guido Jetti è nato ad Avezzano (L’Aquila) nel 1932. Magistrato dal 1958, ha collaborato a numerose riviste giuridiche. Appassionato di ricerche storiche e archivistiche, ha scritto: Cronache della Marsica (1978); Fucino: massoni e preti (1983); Camillo Corradini nella storia poli-tica dei suoi tempi (2004); Il referendum istituzionale (tra il diritto e la politica) (2009); La Destra prima della Fiamma. La parabola del Partito fusionista italiano (2011). Per Edizioni Kirke ha già pubblicato: La Marsica in due secoli. Tra intellettuali, sovversivi e la- tifondisti (2012); Il Re, il Parlamento e le barricate di Napoli (1848-1849) (2014); Avezzano e il prosciugamento del Fucino (2016); Avezzano nel Novecento. Fatti e memorie di un secolo (2017); L’eclissi della Monarchia (2018).