“Il Re da Roma a Brindisi. Una pagina di storia” il nuovo libro dello scrittore avezzanese Guido Jetti



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

La casa editrice “Edizioni Kirkerende nota luscita del libro  “Il Re da Roma a Brindisi. Una pagina di storia” di Guido Jetti prefazione di Gustavo Pansini 

Dalla quarta di copertina: «Nell’esposizione dei fatti convulsi che si consumarono nell’estate del 1943, a partire dalla sfiducia a Mussolini fino all’indomani dell’8 settembre, l’Autore analizza la portata dell’allontanamento da una Roma ormai minacciata dai nazisti, del so- vrano Vittorio Emanuele III di Savoia, insieme ad alcuni esponenti della famiglia reale e del capo del governo, il maresciallo Pietro Badoglio. L’avvenimento, passato alla storia – con evidente accezione negativa – come “fuga di Pescara”, che molta influenza ebbe nell’esito del referendum istituzionale del 1946, deve probabilmente essere riletto nei ter- mini di un «“trasferimento”, ineludibile e consapevole, che riuscì a scongiurare la liquefa- zione dello Stato» e ad assicurarne la continuità in uno dei momenti più drammatici del nostro ultimo secolo». 

Guido Jetti è nato ad Avezzano (L’Aquila) nel 1932. Magistrato dal 1958, ha collaborato a numerose riviste giuridiche. Appassionato di ricerche storiche e archivistiche, ha scritto: Cronache della Marsica (1978); Fucino: massoni e preti (1983); Camillo Corradini nella storia poli-tica dei suoi tempi (2004); Il referendum istituzionale (tra il diritto e la politica) (2009); La Destra prima della Fiamma. La parabola del Partito fusionista italiano (2011). Per Edizioni Kirke ha già pubblicato: La Marsica in due secoli. Tra intellettuali, sovversivi e la- tifondisti (2012); Il Re, il Parlamento e le barricate di Napoli (1848-1849) (2014); Avezzano e il prosciugamento del Fucino (2016); Avezzano nel Novecento. Fatti e memorie di un secolo (2017); L’eclissi della Monarchia (2018).