Il professore Bruno Morelli presenta il libro “Athinganos”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Lunedì 19 dicembre, alle 17, all’istituto Collodi-Marini, Monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Migrantes (C.E.I) Roma, presenterà il volume del professor Bruno Morelli “Athinganos”. All’evento sarà presente anche l’editore Gianluca Bellisomo della casa editrice universitaria Anicia-Roma.

Nel corso dell’evento, l’autore darà lettura di alcune poesie inedite, tratte dal testo, che saranno integrate da brani musicali eseguiti dal terzetto composto da Massimiliano De Foglio, Eleonora Morelli e Gabriella Di Cioccio (chitarra, violino e pianoforte).

Verranno, inoltre, proiettate alcune opere pittoriche estratte dal volume, nel capitolo storia dell’arte, dipinti emblematici che recano il “tema zingaro” espressamente, come “La tempesta” del Giorgione, “La buona ventura” di Caravaggio e “La zingarella” del Boccaccino.

Lo scopo del volume è quello di approfondire la conoscenza della cultura romanì. Per farlo l’autore analizza essenzialmente tre segmenti cruciali: la storia, l’arte e l’economia. Temi scarsamente trattati in precedenza, tuttavia fondamentali nella ricostruzione di un’identità spesso relegata ad ambiti esclusivamente sociologici.foto-libro

Unica nel suo genere, tale etnia, è trasversale antropologicamente e culturalmente a molte civiltà con le quali è venuta in contatto e con le quali ha convissuto e interagito per molti secoli. Tracce di questi processi sincretici sono rinvenibili tutt’oggi nei rituali, nelle lingue e nell’arte di molti paesi.

“Gente del mondo” il cui cammino si insinua tra le pieghe della storia in senso esteso, a volte con ruoli da protagonista. Affonda le proprie radici nelle diverse terre traendo linfa dalla medesima “madre” così da preservare sè stessa assomigliando a tutti.

1) Storia
Origine, studio e ricerca della radice terminologica della parola zingaro, cioè athinganoi (in greo intoccabile), seguendo la sua trasformazione evolutiva nella storia fino ai tempi nostri.
2)L’economia
I mestieri, da quelli antichi legati al nomadismo, ai più svariati e poco conosciuti dal grande pubblico strategici tuttavia nel preservare l’integrità rituale nella tradizione della cultura d’appartenenza…
3) Storia dell’arte.
L’arte pittorica internazionale riflette l’immagine dello zingaro in moltissime opere celebri che tutt’oggi ammiriamo nei musei di tutto il mondo. Dipinti che sin dal Medio Evo fino all’Arte Moderna hanno immortalato valori e verità ma anche difetti del popolo più controverso e perseguitato.

Athinganos farà parte della collana “insegnare il Novecento” curato dal Professor Carlo Felice Casula per la facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università Roma 3.




Lascia un commento