Il premio “Histonium D’Oro” alla scrittrice marsicana Cesidia Gianfelice

Ortucchio – La Cerimonia conclusiva della XXXIV EDIZIONE del Premio Histonium si è svolto presso il Polo Liceale “R. MATTIOLI ” di Vasto, diretto dal Dirigente Maria Grazia Angelini.
Alla cerimonia hanno partecipato poeti e scrittori arrivati dalle varie regioni d’Italia, il Presidente del Premio Alfiero Luigi Medea assieme alla segretaria organizzativa la Prof.ssa Angela Tommasi, hanno dato inizio ad una giornata di approfondimento dei più alti valori dell’uomo, premiando la scrittrice Cesidia Gianfelice insegnante nella scuola primaria presso  Ortucchio, vincitrice del premio “HISTONIUM D’ORO”:
Il messaggio della scrittrice Cesidia Gianfelice sui social:
“Con immensa emozione condivido con voi l’ Histonium d’oro, Primo Premio Nazionale letterario…
Lo dedico al mio paese Ortucchio, ai miei bambini, che lunedì, in classe,  mi aspetteranno con le caramelle e…in modo particolare lo dedico al Circolo Culturale ” Il Castello”, al Presidente Ercole Gigli. Ricorderò sempre con tanta emozione , il giorno in cui mi venne assegnato il Primo Premio con il racconto ” Il volo dell’airone’,  fu quello il  mio trampolino di lancio.
Questo è il terzo Histonium d’oro assegnatomi, il primo nel 2013 con il libro edito dall’Albatros “quel lago in fondo al cuore”, il secondo nel 2014 con il racconto inedito” in quella gelida stanza”.
Quest’anno il tema scelto dal concorso  è stato ” la violenza contro i bambini”. ” La crisalide e l’arcobaleno” che a breve diverrà un libro ha centrato appieno il tema, parla di due ragazzi che si incontrano in un ospedale, lei , violentata che nel cuore custodisce amaramente la violenza subita dallo zio e lui che,essendo gay,  viene picchiato pesantemente dal padre. La ragazza si innamora di lui e lo resterà legata a quest’assurdo amore tutta la vita”.
PAGINE DEL LIBRO
Il sole invernale, piccolo e smunto, s’immerge su uno dei miei ultimi tramonti.
Cortine di veli scuri avvolgono la mia sera e il silenzio inizia bruscamente a spazzare le strade, oggi come ieri, ogni giorno è uguale all’altro, il domani non sarà mai diverso, la distanza dal cielo rimarrà sempre tale .
Intanto la luna passa quieta e si dilegua. Ogni madre bacia con tenerezza il figlio continuando a ripetergli che … i mostri non esistono. Accosta delicatamente le coperte sul suo giovane corpo affinché i sogni possano circumnavigarlo di  pace. Eppure a ridosso dei soffici abiti della luna , al di là dell’incantevole notte,  dentro ogni effimera bolla di sapone essi ci sono  davvero , non sempre son frutto della più pura delle immaginazioni. Dietro ogni mostro, nascosto tra le pieghe della loro anima però , ce ne sono altri e altri ancora, non dimenticarlo mai.
Nemmeno quella poiana potrebbe innalzarsi in volo quando vorrebbe e fluttuare oltre le lastre di vetro del panorama , lassù  incontrerebbe ben altre bestie.
 Intanto l’acqua ha sommerso il bambino e lo trascina via, con un freddo inimmaginabile penetrandone le ossa, una ad una … per sempre.
Il buio del silenzio e della vergogna è la dimora delle bestie , impariamo a riconoscerle  e a debellarle, spesso s’ annidano proprio all’interno delle nostre quiete dimore. Spalanchiamo le nostre palpebre assonnate, lasciamo che entri il sole … si è sempre in tempo per gettare un’ancora a chi è già negli inferi .
 Ed ecco che un grido si leverà  soffocato nella notte, non è poi così difficile saperlo ascoltare ,   e dai boschi orde di animali selvatici s’innalzeranno, sollevando nuvole di polvere ,  lo vedrete  avvolto da un fascio di luce in grado di fondersi con l’arcobaleno e questa volta…per sempre.
Sempre più dense si dilagano le ombre del crepuscolo , chiudo gli occhi  e mi ritrovo tra gli scorci più bui dell’animo mio dove  raffiche di vento strappano antichi ricordi e riaffiorano volti celati dal tempo ormai passato. Pian piano iniziano a riemergere delle voci credute ormai dimenticate. Passato e presente si fondono inesorabilmente in un unico istante di assoluta pace, lì dove anche  il silenzio ha voce, lì dove tutto è possibile …
Il premio "Histonium D'Oro" alla scrittrice marsicana Cesidia Gianfelice