Il ‘Movimento 5 Stelle Civitella Roveto’ terrà un convegno sulla “Banca della Terra”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Civitella RovetoVenerdì 13 ottobre 2017 presso il Teatro Comunale di Civitella Roveto, nelle vicinanze del campo sportivo, dalle ore 19:00 il Movimento 5 Stelle Civitella Roveto terrà un convegno sulla “Banca della Terra”, una legge scritta dal consigliere regionale Pietro Smargiassi, che sarà presente all’evento insieme al consigliere regionale Gianluca Ranieri e ai consiglieri comunali di Civitella Roveto.

Il convegno sarà aperto a tutti, e verterà sul tema della “Banca della Terra”, una legge scritta ed approvata per permettere di avviare nuove attività agricole a soggetti che attualmente ne risultano impossibilitati poiché non in possesso di terreni da destinare a tale scopo. In questo modo si vuole dare impulso allo sviluppo del settore agricolo abruzzese ed alla produzione autoctona, incentivando la nascita di nuove aziende o l’ampliamento di quelle esistenti, con particolare riguardo verso i giovani che di avvicinano per la prima volta al mondo dell’agricoltura, i disoccupati e le cooperative che desiderano espandersi.

Assegnando terreni abbandonati, di privati o pubblici, ai cittadini che ne faranno richiesta per la coltivazione, si avrà la possibilità di dare uno slancio verso il mercato del lavoro, nonché si tutelerà il territorio dal punto di vista idrogeologico e paesaggistico, prevenendo allo stesso tempo anche il fenomeno degli incendi boschivi e delle calamità naturali in genere, grazie appunto al recupero dei terreni agricoli e forestali incolti o abbandonati.

Riportando le parole del consigliere Smargiassi, “Questa proposta oggi crea ciò che più di ogni cosa i cittadini chiedono a chi governa: lavoro. Questa è l’idea di regione che meritano gli abruzzesi”.
Al convegno seguirà un aperitivo agricolo, offerto dagli organizzatori, in cui si potranno degustare principalmente i prodotti della nostra terra.




Lascia un commento