Il Lago Fucino in un acquerello del 1776 dell’artista britannico Charles Gore



Fucino – Una carta leggermente ruvida e il tocco leggero dell’acquerello: questi i materiali utilizzati dall’artista britannico Charles Gore per realizzare una rappresentazione del Lago Fucino. L’opera risale al 1776 e, in realtà, è eseguita su tre fogli uniti insieme.

L’acquerello è custodito presso lo Yale Center for British Art e riporta, lungo i bordi, alcune iscrizioni tracciate con inchiostro, una di queste riporta: “Lago fucino d’apres Mr. Swinburne a Rome 1776“, un’altra recita “Monte Velino, Albi & Avezzano presso il Lago del Fucino. Mr Swin“.

Sul lato sinistro dell’acquerello, si può vedere Monte Velino e, poco più in basso, il dettaglio del borgo di Alba Fucens. Nella parte bassa, invece, dovrebbe essere Avezzano. L’artista che ha eseguito l’opera, Charles Gore, grazie a un matrimonio con una ricca fanciulla, non ebbe bisogno di lavorare e riuscì a viaggiare a lungo in tutto Europa. Evidentemente, durante i suoi viaggi ebbe modo di fermarsi dalle nostre parti e scelse di dipingere il Lago Fucino così come appariva nel 1776.