Il governo adotta il pugno duro per il nuovo decreto: mascherine obbligatorie all’aperto anche in zona bianca e stop a concerti, feste e discoteche fino al 31 gennaio



È stato approvato in queste ore dalla cabina di regia il nuovo decreto per ridurre i contagi da Covid-19. Le nuove direttive governative prevedono importanti restrizioni per il periodo delle festività e per il primo mese del nuovo anno: fino al 31 gennaio 2022 infatti sono vietate feste, concerti ed eventi che implichino assembramenti anche in spazi aperti; anche discoteche e sale ballo dovranno attendere almeno il 31 gennaio per poter riaprire. Sempre fino al 31 gennaio vige l’obbligo dell’utilizzo della mascherina all’aperto anche nelle regioni in zona bianca ed è consentito l’accesso sui mezzi pubblici, nei cinema, nei teatri, negli stadi e nei locali di intrattenimento con musica dal vivo e simili solo se si è in possesso della mascherina FFP2; inoltre nei locali precedentemente citati non è consentito consumare cibi e bevande. Sarà possibile entrare nei musei, palestre, piscine, centri termali e di benessere, sale da gioco e centri culturali solo con il Super Green Pass, inoltre questo tipo di certificazione verde servirà, almeno fino al 31 marzo 2022, anche per mangiare o bere anche al bancone in bar, ristoranti e locali per la degustazione. Sono previsti tamponi, anche a campione, per chi entra o rientra in Italia dall’estero. Infine a partire dal 1 febbraio 2022 la validità del Green Pass passa da 9 a 6 mesi e la terza dose si potrà fare dopo 4 mesi dalla seconda somministrazione.

Il governo adotta il pugno duro per il nuovo decreto: mascherine obbligatorie all'aperto anche in zona bianca e stop a concerti, feste e discoteche fino al 31 gennaio
Il governo adotta il pugno duro per il nuovo decreto: mascherine obbligatorie all'aperto anche in zona bianca e stop a concerti, feste e discoteche fino al 31 gennaio


Leggi anche