“Il gioco di parole” degli studenti del Bellisario vince su 500 opere e va in esposizione al Miur



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Il gioco di parole nasconde una bella quanto vera realtà. Il lavoro artistico delle classi 4^ e 5^B DESIGN DEI METALLI E DELL’OREFICERIA del Liceo Artistico Bellisario andrà in esposizione al M.I.U.R..

L’opera rappresenta – a grandezza naturale –  il discobolo di Mirone realizzato con nastro di ferro utilizzando le tecniche della forgiatura e della tiratura.

L’opera stata selezionata tra altre 500 opere provenienti dai Licei Artistici di tutta l’Italia, per partecipare alla 1^ Biennale dei Licei Artistici Italiani e, insieme ad altre 100 opere, è rimasta in esposizione presso il Museo di Palazzo Venezia dal 15 dicembre al 15 gennaio. Il tema della Biennale era “Il gioco” e l’opera, fondendo insieme il rigore e la classicità del soggetto con la leggerezza della dimensione “gioco”, ha colto assolutamente nel segno guadagnando l’attenzione della giuria – composta da personalità della cultura quali: Claudio Strinati, Antonio Natali, Ennio Peres e Piero Pizzi Cannella.

“Giocare con l’arte” – questo il titolo dell’opera, oggetto di un’ulteriore selezione, verrà spostato – insieme con altre poche opere –  presso la sede del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca a Via XX Settembre a Roma, dove resterà in esposizione per essere ammirata dai visitatori della sede ministeriale.

Un evento di grande successo per l’Artistico di Avezzano, alla guida della dirigente scolastica Annamaria Fracassi, una grande soddisfazione per gli studenti delle due classi e dei loro docenti, professore Elio Riocci che ha seguito la progettazione e professoressa Stefania Ferella che ha guidato i ragazzi nella realizzazione presso i laboratori metalli.




Lascia un commento