Il consigliere Mariani non parteciperà alla seduta del consiglio comunale, “voglio prima le certificazioni sullo stabile ristrutturato”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Canistro –  In merito alla convocazione del consiglio comunale di Canistro, per la data del 18 dicembre 2019, il sottoscritto Consigliere comunale Angelo Mariani precisa quanto segue:

“In più occasioni è stata fatta richiesta al Sindaco, all’Ufficio Tecnico e al Segretario comunale di ricevere la documentazione relativa alla agibilità dello stabile ristrutturato, di Piazza Municipio, adibito a sede del Comune.

A tale richiesta è stata fornita una risposta insoddisfacente, tanto che si continua ad ignorare se lo stabile abbia o meno il certificato di agibilità. La segretaria comunale, con una sua lettera, è intervenuta, sia pure in ritardo, a sollecitare l’Ufficio tecnico a fornire risposta a tale richiesta (come da allegato).

 Poiché tale comportamento dilatorio fa pensare che la certificazione non esista, o non sia in vostro possesso, il sottoscritto non solo si rifiuta di partecipare alla seduta del Consiglio Comunale, in un edificio che non appare avere tutte le necessarie certificazioni di legge, ma invita caldamente il Sindaco e tutti gli organi competenti ad astenersi dal convocare assemblee pubbliche in locali che non abbiano ancora tutti i requisiti di sicurezza e le necessarie autorizzazioni da parte degli organi preposti (con particolare riferimento alla normativa sull’abbattimento delle barriere architettoniche).

 Vi invita inoltre (come già in precedenza comunicato) a provvedere alla regolarizzazione, a norma di legge, di tutti gli edifici ad uso pubblico e privato siti nel territorio comunale, di cui il Comune è responsabile, al fine di salvaguardare l’incolumità dei cittadini di Canistro da qualsiasi eventualità di rischio, in primis quello sismico, purtroppo frequente nel nostro territorio.”