Il consigliere di Collelongo Valerio Negri denuncia le condizioni del corso del torrente Rosa “Non ci sarà transizione ecologica senza una nuova coscienza etica e morale”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

La pandemia da Covid-19, come risaputo, ha lasciato strascichi evidenti non solo a livello sanitario, ma considerevolmente anche a livello economico. Da ciò nasce il cosiddetto PNRR, ovvero il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, messo a punto dall’Italia così da riparare i danni economici e sociali provocati dalla crisi pandemica e da accompagnare il Paese in un percorso di transizione ecologica e ambientale.

A proporre una riflessione sulle conseguenze, soprattutto a livello ambientale, derivanti da questo intervento, è il consigliere comunale di minoranza del comune di Collelongo, Valerio Negri (F.I.).
In particolare il consigliere ha posto l’accento sulle preoccupanti condizioni del corso del torrente Rosa, nella zona tra Trasacco e Collelongo, martoriato dagli scarichi di materiale, da scarti RAEE, da quantità notevoli di Eternit e di rifiuti domestici.

Riportiamo qui di seguito le sue parole: “Siamo giunti all’alba di una nuova era, eppure rischiamo di dare il colpo di grazia ad un mondo già profondamente provato. Quello che ci apprestiamo a vivere con l’arrivo dei fondi europei è di una corsa frenetica verso una innovazione tecnologica che inevitabilmente produrrà una valanga di materiali da smaltire. Si è già in corsa con la sostituzione degli apparati televisivi con quelli di ultima generazione e gli incentivi spingono ad un rinnovamento che, se non gestito, rischia, come in passato, di generare cimiteri di rifiuti elettrici ed elettronici in ogni dove.

Stessa cosa dicasi con l’incentivo al 110% in edilizia, la grande mole di lavoro già avviato e quello che seguirà fino al 2023, termine ultimo per l’attuazione degli incentivi, andrà a creare una tale mole di scarti che potrebbero ulteriormente compromettere lo stato di salute dei nostri territori.

Nelle foto alcune situazioni incancrenite lungo il corso del torrente “Rosa” (zona Trasacco/Collelongo) che mostrano quanto l’uomo possa far male alla nostra splendida natura. Si va dagli scarichi di materiale di terreno contaminato a scarti di RAE, una quantità importante di Eternit e una presenza cospicua di rifiuti domestici.

Ciò che inevitabilmente occorre affiancare alle risorse del PNRR è una transizione verso la LEGALITÀ.
Legalità che oggi più che mai ogni individuo deve ricercare al fine di dare il proprio contributo alle tante voci che scuotono le nostre coscienze.

Non ci sarà transizione ecologica senza una nuova coscienza etica e morale, a questa vanno affiancate risorse economiche, personale adeguatamente formato per dare supporto alle autorità preposte ai controlli, risorse al sistema giudiziario per snellire le pratiche e arginare fenomeni illeciti.
Al fine di gettare le basi per un futuro sostenibile vanno incentivate a livello scolastico non delle giornate ecologiche una tantum, va messo in piedi un percorso graduale dalle prime classi fino alle università.
Ciò di cui abbiamo bisogno è di ragazzi attenti alla salvaguardia del territorio attraverso l’uso e la conoscenza dei materiali al fine del loro corretto smaltimento. Smaltimento che dovrà generare non rifiuti ma materie prime da riciclare e destinare a nuova vita abbattendo costi per l’approvvigionamento.
Se saremo in grado di attuare delle buone pratiche riusciremo ad imprimere nuovo slancio alla nostra economia, l’alternativa è la BOMBA ECOLOGICA”
.