Il Comune di Tagliacozzo si aggiudica il contributo per il progetto #Freezone contro la violenza di genere



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo –  #Freezone è il nome del progetto finanziato dal bando ministeriale, Dipartimento delle pari opportunità, che prevede 125.000 Euro per una campagna di comunicazione e prevenzione alla violenza di genere.

Primi in Abruzzo, il Comune della Città di Pratola Peligna con il Sindaco Antonella Di Nino e il Comune della Città di Tagliacozzo con l’Assessore Manuela Marletta, hanno concorso al felice esito di questa importante iniziativa, aggiudicandosi il contributo, insieme all’associazione capofila del progetto la Cooperativa sociale “Be Free”, alla “Peperonitto Film”, al gruppo “Sicurform” e alle associazioni “La Diosa” e “I Girasoli”.

Il progetto #Freezone partirà da “La casa delle donne nella Marsica”: una moderna struttura voluta dalla cooperativa “Be Free” di cui è direttrice la Dott.ssa Oria Gargano e responsabile la Dott.ssa Daniela Senese, e raggiungerà dieci Istituti scolastici che coprono l’intero territorio della Regione Abruzzo.

Con l’espressione violenza di genere si indicano tutte quelle forme di violenza da quella psicologica e fisica a quella sessuale, dagli atti persecutori del cosiddetto stalking allo stupro, fino al femminicidio, che riguardano un vasto numero di persone discriminate in base al sesso.
La legge contro la violenza di genere persegue tre obiettivi principali: prevenire i reati, punire i colpevoli, proteggere le vittime. Con l’introduzione nel 2009 del reato di atti persecutori-stalking, che si configurano in ogni atteggiamento violento e persecutorio e che costringono la vittima a cambiare la propria condotta di vita, fino alla legge sulle Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, risultano infatti rafforzati la tutela giudiziaria e il sostegno alle vittime, una serie di aggravanti e la possibilità di permessi di soggiorno per motivi umanitari per le vittime straniere di violenza.

A tutto ciò ha rivolto una particolare attenzione fin dall’inizio del mandato del suo assessorato Manuela Marletta che ha già realizzato una vasta opera di sensibilizzazione sulle tematiche, mediante l’organizzazione di convegni, mostre e iniziative, quali l’apposizione nella Sala Consiliare della Città di Tagliacozzo di una targa in memoria delle vittime della violenza di genere e la “Panchina rossa” nel Parco della Rimembranza.




Lascia un commento