Il Comune di Capistrello conferma l’adesione all’Associazione “Borghi Autentici d’Italia”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Capistrello – Il Comune di Capistrello ribadisce la propria adesione all’ Associazione “Borghi autentici d’Italia”con l’approviazione del manifesto 2015. Oggi, nel corso dell’Assise Civica, è stato, inoltre, presentato il Nuovo Regolamento Associativo Interno che rende nota la nuova normativa a cui i soci dovranno necessariamente attenersi per essere parte integrante del sistema Bai. Presente in Consiglio anche il delegato regionale Rete BAI Abruzzo, Vincenzo Nuccetelli.

“Abbiamo deciso di aderire al progetto – ha spiegato il primo cittadino Franco Ciciotti – perchè tra le finalità che l’associazione si propone c’è la valorizzazione del centro storico. Divenendo associati, puntiamo a salvaguardare le caratteristiche e peculiarità del nostro patrimonio più antico. Recuperarlo, conservarlo e valorizzarlo al fine di restituire alla comunità un valore culturale da tramandare anche alle generazioni future”.

Borghi Autentici d’Italia è un’associazione di piccole e medie realtà che lavorano insieme per uno sviluppo di qualità incentrato sulla sostenibilità sociale, ambientale ed economica. Il lavoro dell’associazione si fonda su alcune linee guida che definiscono le azioni progettuali ideate e realizzate in collaborazione con gli enti soci: queste linee guida sono racchiuse nel Manifesto BAI, documento strategico che traccia i confini del lavoro di rete messo in campo da BAI e Comuni. Il Manifesto dei Borghi Autentici è lo strumento fondamentale dell’Associazione.

In esso si ritrovano le linee strategiche che sono la base dei percorsi e delle azioni che la Rete BAI si propone di realizzare concretamente per contribuire allo sviluppo socio-economico dei territori coinvolti e per migliorare la qualità della vita delle comunità locali. I territori e le aree interne sono e vogliono essere sempre di più protagonisti della ripartenza e della crescita. “Non cerchiamo proseliti – ha detto Nuccetelli – se non fortemente motivati. In Abruzzo abbiamo registrato 37 adesioni, per lo più nei paesi della Marsica. Ciò che chiediamo è il raggiungimento di alcuni obiettivi minimi. Il Comune di Capistrello vaglierà, e successivamente sceglierà, uno dei nostri progetti e si impegnerà, poi, a portarlo avanti”.

Il consigliere di minoranza Francesco Piacente si è detto felice che si stia dando continuità a quanto già fatto in precedenza dall’Amministrazione Lusi. “Nel 2013 – ha detto – fui tra quelli che votarono per l’adesione. Decidere di far parte di un’associazione che fa il bene dei Comuni è un passo importante che però deve spingerci a fare sempre di più.”



Lascia un commento