Il Comitato Mobilità Sostenibile interviene sulla riapertura degli incroci di piazza Risorgimento



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – A distanza di alcune settimane dalla riapertura degli incroci rientranti nel restyling di piazza Risorgimento, il presidente pro tempore del Comitato Mobilità SostenibileGiuseppe Pantaleo, interviene con alcune considerazioni:

Prendiamo in esame uno dei due incroci (via Cataldi e corso della Libertà su via Corradini).
Ebbene, suggeriamo al commissario prefettizio di prolungare in qualche maniera la fila dei piccoli cubi di pietra fino a raggiungere il cordolo della pista ciclabile proveniente da corso della Libertà per proteggere i ciclisti in quel tratto curvo; le automobili, infatti, procedono (prevedibilmente) a una velocità più alta della massima consentita (10 km/h);
tutto questo anche per evitare che qualche automobilista parcheggi sulla stessa o sulle strisce pedonali, com’è
già avvenuto.
Da alcuni giorni, notiamo le spazzatrici stradali in circolazione raccogliere le foglie degli alberi cadute o spostate
sulla carreggiata. Noi ci auguriamo che si applichi alla pista ciclabile lo stesso trattamento dell’anno passato: un conto è condurre un mezzo meccanico su uno strato di foglie con quattro ruote larghe, un altro una bici-
cletta.
Segnaliamo, ancora in tema di ripulitura, anche la presenza (prevedibile anch’essa) di chiazze d’olio rilasciato
dalle vetture in transito sulla «chimera» dell’incrocio citato: sarebbe opportuno rimuovere lo sporco di quando
in quando per risparmiare a tutti gli avezzanesi, una pessima figura agli occhi dei forestieri di passaggio.