I detenuti del carcere di Avezzano al teatro di Civitella con “La Fortuna con l’effe maiuscola”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Il gruppo teatrale della Casa Circondariale a Custodia Attenuata di Avezzano,denominato “Teatro instabile ma mai traballante” , dopo i successi ottenuti con lo spettacolo del 22 dicembre 2017 al teatro dei Marsi di Avezzano e il22 Gennaio 2018 all’interno del carcere romano di “Regina Coeli” alla presenza dei detenuti e di molte autorità romane, replica la commedia “La Fortuna con l’effe maiuscola”, tre atti comici ripresi dalle opere di Eduardo De Filippo e Armando Curcio al teatro comunale di Civitella Roveto il 10 Febbraio 2018 alle ore 21

Il gruppo teatrale è composto da operatori penitenziari, da detenuti, da disabili dell’associazione Unitalsi di Avezzano , e da attori della Compagnia Teatrale “Je Concentramente”- diretto egregiamente e con passione dal regista Raffaele Donatelli.

L’iniziativa segue una tradizione esperienziale teatrale che si snoda ormai da alcuni anni con coinvolgimento trattamentale dei detenuti nell’accoglimento di una visione responsabile e solidale della partecipazione sociale.

L’esperienza teatrale è unica e coinvolgente soprattutto quando rivolta alla solidarietà. Con tale attività, nel 70° anno della ricorrenza dell’adozione della Costituzione, in cui la solidarietà viene indicata, all’articolo 2, come cardine del nostro sistema giuridico, si ritiene di poter contribuire come scambio solidale di conoscenza e di valori tra il dentro e il fuori.

In scena oltre ai detenuti, Raffaele Donatelli, Sergio Berardi, Massimo Petrini, Gisella Venditti, Mario D’Andrea, Ivan D’Alessandro e gli educatori Michele Sidoti, Brunella Faonio e Sabrina Paris.




Lascia un commento