I detenuti del carcere di Avezzano al teatro di Civitella con “La Fortuna con l’effe maiuscola”



Avezzano – Il gruppo teatrale della Casa Circondariale a Custodia Attenuata di Avezzano,denominato “Teatro instabile ma mai traballante” , dopo i successi ottenuti con lo spettacolo del 22 dicembre 2017 al teatro dei Marsi di Avezzano e il22 Gennaio 2018 all’interno del carcere romano di “Regina Coeli” alla presenza dei detenuti e di molte autorità romane, replica la commedia “La Fortuna con l’effe maiuscola”, tre atti comici ripresi dalle opere di Eduardo De Filippo e Armando Curcio al teatro comunale di Civitella Roveto il 10 Febbraio 2018 alle ore 21

Il gruppo teatrale è composto da operatori penitenziari, da detenuti, da disabili dell’associazione Unitalsi di Avezzano , e da attori della Compagnia Teatrale “Je Concentramente”- diretto egregiamente e con passione dal regista Raffaele Donatelli.

L’iniziativa segue una tradizione esperienziale teatrale che si snoda ormai da alcuni anni con coinvolgimento trattamentale dei detenuti nell’accoglimento di una visione responsabile e solidale della partecipazione sociale.

L’esperienza teatrale è unica e coinvolgente soprattutto quando rivolta alla solidarietà. Con tale attività, nel 70° anno della ricorrenza dell’adozione della Costituzione, in cui la solidarietà viene indicata, all’articolo 2, come cardine del nostro sistema giuridico, si ritiene di poter contribuire come scambio solidale di conoscenza e di valori tra il dentro e il fuori.

In scena oltre ai detenuti, Raffaele Donatelli, Sergio Berardi, Massimo Petrini, Gisella Venditti, Mario D’Andrea, Ivan D’Alessandro e gli educatori Michele Sidoti, Brunella Faonio e Sabrina Paris.



Leggi anche

Lascia un commento