Grande successo e partecipazione per l’incontro con Paolo Mieli all’Auditorium ‘E. Fermi’ di Celano per la giornata “l’InCanto di Dante”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Celano – L’attualità di Dante Alighieri, come uomo di lettere, politico e filosofo, è emersa in tutta la sua completezza nel corso del convegno “l’InCanto di Dante” organizzato e promosso dall’Amministrazione Comunale, nell’ambito delle manifestazioni per i 700 anni dalla scomparsa del Sommo Poeta. L’iniziativa culturale, si è tenuta sabato mattina all’Auditorium E. Fermi di Celano, con la partecipazione dello storico e giornalista Paolo Mieli che ha ampiamente risposto alle numerose domande rivoltegli dagli studenti. L’incontro, infatti, ha visto la partecipazione delle scuole superiori di Celano (Istituto tecnico economico) e di una delegazione del liceo “Bellisario” di Avezzano.  “È riduttivo definire Dante Alighieri semplicemente come un poeta e un letterato – afferma Paolo Mieli – è stato un pensatore a tutto tondo, che ha portato idee e innovazioni in molti campi del sapere, influenzando la lingua, il pensiero e la storia, per i secoli a venire”. L’ex direttore del Corriere della Sera, autore e presentatore dei più importanti programmi storici della Rai, ha condotto gli studenti ed i numerosi ascoltatori verso la riscoperta di questo gigante del pensiero, illustrando alcuni aspetti caratteristici della sua opera e della sua vita. I lavori dell’importante convegno sono stai aperti dalla proiezione di un breve documento filmato, realizzato da Greta Salve, autrice e sceneggiatrice con Paolo Mieli di film e documentari. 

Sono seguiti, poi, l’introduzione condotta da Lisa Carusi, assessore comunale all’Istruzione e i saluti del Sindaco Settimio Santilli: “Con questa ulteriore iniziativa,  che si aggiunge a quelle già poste in essere dalla nostra Amministrare per celebrare il genio italiano di Dante, intendiamo offrire  agli studenti la possibilità di approfondire, con l’intervento di Paolo Mieli, giornalista storico e analista politico, le particolarità di un personaggio a dir poco straordinario, la cui lingua e personalità, sono ancora estremamente attuali”.
La giornata “l’InCanto di Dante” è stata poi caratterizzata dalle domande, di vario tenore ma tutte di grande interesse che le studentesse hanno rivolto all’illustre ospite. Per ognuna di esse Mieli ha saputo con competenza e professionalità dare le risposte adeguate. È stato un vero e proprio viaggio nella storia, per comprendere meglio i meccanismi della vita pubblica e della politica, nel passato e nel tempo presente.
In chiusura l‘assessore Lisa Carusi, moderatrice del convegno, ha rivolto parole di vero apprezzamento e ringraziamento a tutti gli intervenuti: “colgo l’occasione della presenza di Mieli per rivolgere un invito ai ragazzi e cioè di leggere e scrivere con più passione e desiderio di apprendere. Le tecnologie aiutano ma sarebbe bello riscoprire la bellezza della scrittura e il gusto per una buona lettura”.