Grande successo della manifestazione “marsicaMedioevale” a Magliano dei Marsi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Magliano dei Marsi rievoca l’incontro di Corradino di Svevia con il feudatario del Borgo di Carce (località di Magliano) a cui chiederà di sostenerlo nella battaglia contro Carlo I D’Angiò. Il biondo principe dispone l’accampamento per far rifocillare i suoi uomini, ottenuta la risposta positiva, accetta l’ospitalità dei suoi sostenitori e suggella l’alleanza con un brindisi. Il presidio è stato disposto nella piazzetta San Domenico a cui ha fatto da splendida cornice la facciata del antico omonimo monastero francescano.
Un corteo interminabile di dame e cavalieri nei loro abiti medioevali, ha sfilato per le strade sotto gli occhi ammirati del pubblico.

Un passato raccolto e trasformato in presente.

Il progetto di “marsicaMedioevale” porta alla ribalta non solo l’evento storico, nello specifico il 750° anniversario della Battaglia dei Piani Palentini, ma i borghi e le realtà del territorio non a tutti conosciuti.

La presenza di una grande folla costituita anche da molti turisti è la testimonianza del successo a cui puntavano l’arch. Lorenzo Fallocco e l’arch. Francesca Cotini, ideatori del progetto e coordinatori degli eventi nei Comuni partecipanti.

L’accampamento, i soldati e il popolo che circola tra le tende, la cura dei dettagli rende impossibile non staccarsi dalla realtà. Una atmosfera medioevale disturbata solo dalla circostante testimonianza dell’uomo moderno. “Magliano medioevale: le sorti di un principe” è un evento difficile da raccontare, che deve essere vissuto.

La tavola imbandita dei feudatari, gli omaggi al principe Corradino di Svevia con lo spettacolo degli sbandieratori, dei falconieri, dei tamburini, la suonatrice di arpa -la donzella Francesca Polenta- che intona una melodia medioevale nulla è mancato per la rievocazione.

Armoniose le voci del coro dirette dal M° Buzzelli. Grande l’impegno profuso dai componenti dell’associazione “Tra de nue” coordinati dal dr Adelmo Di Felice, direttore artistico della celebre infiorata, che ha saputo sottolineare l’importanza dei particolari per creare un contesto che affascina.

Hanno presenziato i sindaci e/o i rappresentanti dei Comuni inseriti nel percorso del progetto “marsicaMedioevale”: Scurcola Marsicana, Celano, Anticoli Corrado, Ortucchio, Pettorano sul Gizio, Magliano dei Marsi comune ospitante condotto dalla Sindaca Mariangela Amiconi.

Tutta l’attenzione ora è proiettata all’appuntamento di martedì 21 agosto per la rievocazione, a Scurcola Marsicana, della richiesta di fedeltà del Re Carlo I D’Angiò, per la battaglia dei Piani Palentini che lo videro vincitore in quel 23 agosto del 1268.

Voce narrante del percorso di “marsicaMedioevale” è quella di Luca Di Nicola.




Lascia un commento