Grande successo a San Benedetto dei Marsi per il concerto d’apertura delle festività natalizie



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Benedetto dei Marsi – Grande successo, nel pomeriggio di domenica 10 dicembre, nella chiesa “Maria SS Assunta” di San Benedetto dei Marsi, per il concerto d’apertura delle Festività Natalizie, iniziativa a cura del Comitato Feste Classe 1977. Alla presenza del sindaco Quirino D’Orazio, del vice sindaco Maria di Genova, della provincia dell’Aquila, rappresentata da Gianluca Alfonsi, del parroco, Don Francesco Iulianella, strepitosa esibizione dell’orchestra “Armelis” di Collarmele, diretta dal Maestro Corrado Lambona, laddove, tra le sonorità di un “Halleluja” di Leonard Cohen, di “Amazing Grace” di John Newton, di “Happy Christmas” di John Lennon e altre importanti melodie (natalizie e non), ha troneggiato la voce grandiosa del tenore Lorenzo Martelli insieme con quella “pop” dell’altrettanto grande Daniele Tarquini, che si sono esibiti con il coro “Voci di Gioia”.

Di grande effetto anche la lettura sull’amore interpretata dalla brava declamatrice Filomena Fazi e gli assoli del Maestro Giovanni Ieie. Una chiesa strapiena e forti emozioni, grazie ai ragazzi del Comitato Feste Classe 1977 che hanno saputo selezionare, per le feste di Natale, dopo un’estate altrettanto eccezionale sotto il profilo artistico, in virtù della loro perizia, artisti della levatura di Lambona, Ieie, Martelli e tutti gli altri. Un pomeriggio dedicato, in musica, con serietà, ai Diritti Umani (il 10 dicembre è la giornata preposta) e alle minoranze in particolare; tuttavia un’esibizione e frizzante, presentata dalla giornalista Orietta Spera. Ritroveremo l’orchestra “Armelis” domenica prossima, 17 dicembre, dalle 18,00, al castello “Orsini – Colonna” di Avezzano, per il Concerto di fine Anno – Città di Avezzano”, dedicato ad Alessandro Giancarli e alle Vittime della Strada.




Lascia un commento