Gran successo per l’inaugurazione degli impianti di Camporotondo, in migliaia nel weekend a provare le nuove piste da sci



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Cappadocia – Per alcuni è stato un dolce tuffo nel passato, per altri una nuova scoperta. L’apertura degli impianti sciistici di Camporotondo è stata un vero successo: in migliaia, dalle 9 di sabato mattina si sono presentati per l’openday sulle piste, riaperte dopo lunghi 18 anni in una splendida giornata di sole. Tanto l’apprezzamento che in centinaia sono arrivati anche nella giornata di domenica, meno serena, ma con i manti innevati in ottime condizioni. Una grande soddisfazione per il sindaco Lorenzo Lorenzin, che insieme alla sua amministrazione ha guidato con tenacia il progetto di riapertura, con la solidarietà anche dell’opposizione.

Dalle 9 alle 16.30, grandi e piccoli si sono avventurati nei campi da sci, con la commozione di coloro che ricordavano i vecchi tempi, quando hanno imparato a praticare questo sport, proprio su queste piste. In occasione della festa, sui campi si è presentato anche il candidato presidente alle Regionali, Giovanni Legnini e il sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio. “Un panorama veramente affascinante”, ha apprezzato il presidente Legnini dopo aver osservato la faggeta più grande d’Europa che circonda gli impianti, “mi complimento con il sindaco per la sua tenacia in questo progetto di recupero, che possa rilanciare il turismo di questa zona”.

Al termine della giornata sciistica, la folla si è riunita all’ingresso degli impianti dove è stato realizzato uno spettacolo pirotecnico di quindici minuti a cura della ditta Paolelli. Fuochi a ritmo di musica che hanno commosso tutti i presenti. “Si suol dire che fare il sindaco è una vita di oneri, senza onori”, ha affermato Lorenzin, “ma vedere tutta questa gente commuoversi, emozionarsi e complimentarsi, mi ha riscaldato il cuore e mi ha gratificato del mio lavoro. Sono questi i momenti per cui vale la pena lavorare molto e con sacrificio”. Conclude, “ringrazio tutti coloro che mi sono stati vicini in questo progetto e fino al 24 marzo tutti in pista su Ski in the Wood”.