Gli esercizi di Kegel: scopri cosa sono e come si fanno



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Siete davvero certi di sfruttare al meglio le potenzialità del vostro corpo? Se sì, conoscerete sicuramente gli esercizi di Kegel, famosissimi per aiutare a controllare l’eiaculazione per lui e ad avere orgasmi più intensi per lei, oltre ad una serie di benefici per la salute che scopriremo più avanti.

Ce ne parla la Dott.ssa Annadelia Cipolla (psicologa e sessuologa) di Associazione Freedom.

Arnold Kegel, un ginecologo di Los Angeles, ideò inizialmente questa serie di esercizi con l’obiettivo di tonificare la zona pelvica, sia maschile che femminile, per eliminare o alleviare i problemi di incontinenza. Effettivamene questi esercizi rendono più tonico e forte il muscolo pubococcigeoprincipale responsabile della minzione.
Ma, indovinate un po’? Le donne a cui venivano prescritti gli esercizi oltre a riscontrare miglioramenti nella patologia di cui soffrivano, tornavano dal dottor Kegel a ringraziarlo, spiegandogli che esercitando quelle fasce muscolari erano riuscite a raggiungere una maggior consapevolezza della forza della propria vagina e che attraverso la contrazione del muscolo pubococcigeo era possibile raggiungere orgasmi più intensi ed in minor tempo.

Le contrazioni in cui consistono questi semplici esercizi sono, nella donna, le stesse che intervengono durante l’orgasmo. Per chi dovesse avere maggiori difficoltà ad individuare il pubococcigeo, e questo vale sia per gli uomini che per le donne, è sufficiente contrarre il muscolo che si usa quando si vuole trattenere l’urina.

Gli stessi esercizi, possono essere anche utilizzati dagli uomini.

Le contrazioni di Kegel, infatti, come molti sanno, rafforzando il muscolo pubococcigeo, aiutano l’uomo a trattenere e ritardare l’eiaculazione. Dunque, quanti di voi dovessere pensare di avere problematiche legate all’eiaculazione, potrebbero senz’altro richiedere una consulenza psicologica (se il professionista risulta essere un sessuologo sarebbe l’ideale), non dimenticando ovviamente anche di consultare il proprio medico. Per un migliore risultato, il lavoro di rete risulta essere il più efficace: medico e psicologo possono in questo modo lavorare in modo completo con la persona.

Come si fa un esercizio di Kegel?

Allenarsi è molto semplice e non costa niente!

esercizio di Kegel

 

 

 

 

 

 

 

 

PER LEI:
il modo più banale di esercitarsi è contrarre la vagina, quindi rilassarla ripetendo il gesto per almeno 50-100 volte al giorno (ovvio che più ne fate e maggiori risultati otterrete). Quando ci si allena non si devono usare i muscoli dell’addome, delle gambe o i glutei.
Mettete la mano sull’addome quando contraete il muscolo pelvico. Se sentite che l’addome si muove, allora state usando anche questi muscoli. In genere i primi cambiamenti si cominciano a rilevare dopo circa 3 settimane.

 

PER LUI: 
E’ sufficiente contrarre il muscolo che va dal pene all’ano e che serve a trattenere l’urina e a muovere il pene quando è in erezione. Ripetere l’esercizio 50-100 volte al giorno.

Kegel

 

 

 

 

 

 

 

La corretta tecnica di esecuzione degli esercizi di Kegel prevede:

  1. Lo svuotamento iniziale della vescica.
  2. Stringere i muscoli del pavimento pelvico e mantenerli contratti contando fino a 5.
  3. Rilassare i muscoli completamente contando fino a 10 (il tempo di rilascio dovrebbe essere circa il doppio quello di contrazione).
  4. Fare una serie di 10 esercizi, 3 volte al giorno (mattina, pomeriggio e notte).

La tecnica è finalizzata a far sperimentare l’intensità dell’eccitazione sessuale, invece di evitarla distraendosi, in modo tale che l’uomo si abitui a tollerare ed apprezzare un elevato livello di attivazione.

La maggior parte delle persone preferisce fare gli esercizi, mentre sta sdraiato o seduto su una sedia.
Dopo 4 – 6 settimane, la maggior parte delle persone nota un certo miglioramento; talvolta possono essere necessari fino a 3 mesi prima di vedere un apprezzabile miglioramento.

Bibliografia:
Sessuologia Medica

Voi ci avete provato? Portate le vostre testimonianze nei commenti qui sotto, la vostra opinione è importante per chi vuole provarci!




Lascia un commento