Giuseppe Di Pangrazio è il nuovo presidente dell’AICCRE



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Il nuovo Presidente della Federazione Abruzzese dell’Associazione italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (AICCRE) è Giuseppe Di Pangrazio. Dopo la nomina delle commissioni i lavori sono proseguiti e al termine sono stati eletti all’unanimitài delegati al Congresso nazionale e i membri della nuova Direzione regionale, all’insegna del rinnovamento e della rappresentanza dei territori.

Il nuovo segretario generale  è Danilo Cavaliere, consigliere del comune di Palombaro. Il nuovo esecutivo AICCRE è così composto: Carlo Moro, sindaco di Lentella sarà il vice presidente vicario; Damiana Guarascio, segretario uscente, ricoprirà la carica di vice presidente.  La direzione, sarà invece composta da: Giorgio Di Giovangiacomo – Teramo, Nausicaa Cameli – Giulianova, Tiziana Magnacca – San Salvo, Gabriele Florindi – Città Sant’Angelo, Annalisa Palozzo – Provincia di Pescara, Debora Tricca – Alanno, Roberto Giovagnorio –Tagliacozzo. L’AICCRE in Abruzzo vanta l’adesione di 48 Comuni.

Al nuovo Presidente dell’ AICCRE è stato chiesto quali  sono le considerazioni su questo nuovo incarico

Abbiamo fatto il congresso regionale, abbiamo rinnovato gli organismi, c’è stata la mia disponibilità ad accettare l’incarico di presidente dell’ AICREE regionale più di garanzia che  altro; sono circondato da molti giovani amministratori che mi affiancheranno in questo percorso importante.  C’é un segretario generale giovanissimo, quindi una squadra fatta proprio per l’occasione, in modo tale che io possa loro delegare le tantissime  attività che l’AICREE deve fare, tra le tante il rilancio dell’associazionismo, ma soprattutto  far comprendere l’importanza di una Europa unita

Attualmente si ha la percezione di una Europa  lontana dal cittadino, un’Europa che  vediamo distante, cosa può fare l’AICCRE a tal proposito?

Tra le prime attività c’è proprio quella di restituire, ricucire questo rapporto purtroppo un pò logoro e un pò mancato tra i cittadini e l’Europa, un’ Istituzione che oggi appare distante, attraverso  l’attività dei gemellaggi che l’AICREE è deputata a fare  tra comuni italiani e i comuni dell’intera Europa, ma soprattutto cercare di fare diventare un’Europa dei popoli, della solidarietà, dei cittadini e non solo un’Europa economica. Questo è il compito dell’AICREE.  A tal proposito siamo riusciti ad ottenere  la celebrazione del Congresso Nazionale qui in Abruzzo, lo terremo nella città di Montesilvano il 17 e 18 marzo, quindi  a breve, dove eleggeremo il presidente nazionale ed anche  la struttura organizzativa,  e lì verrà ribadita la necessità di un rapporto rinnovato e di ricucitura che ci deve essere tra i cittadini di ogni angolo d’Europa e quindi anche dei Comuni abruzzesi.. Come questo sia già in essere, non solo lo vedremo attraverso progetti, gemellaggi, programmazione di conferenze, di convegni, ma soprattutto punteremo su questo tema così importante che è la mobilità  demografica oggi all’attenzione, come primo punto in agenda, di altri organismi europei.  Noi, qui in Abruzzo,  di questo  vogliamo fare un focus di approfondimento per capire come deve essere e quale sarà l’Europa nel futuro dei popoli, non solo europei , ma anche di tutti coloro che provengono da altri   Paesi. Auspichiamo tutti  in un’Europa più accogliente, più solidale, più vicina ai cittadini.  Questo è il rapporto che  deve essere  restituito, un rapporto di accoglienza e di democrazia“.

Un grande impegno!




Lascia un commento