Giubileo dei detenuti, lo chef Franceschini offre il pranzo nel penitenziario



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. In occasione del “Giubileo dei Carcerati” in programma per domenica 6 novembre, all’interno del calendario dell’Anno Santo Straordinario della Misericordia indetto da Papa Francesco, l’Umami Restaurant-Cafè di Avezzano, ha deciso di offrire gratuitamente un pranzo ai detenuti della casa circondariale della città.

A tal proposito, i proprietari del ristorante, lo chef Stefano Franceschini e suo fratello Alessandro, insieme ai propri dipendenti, subentreranno in carcere per cucinare e servire il pasto ai detenuti e per far vivere loro un momento di svago, attraverso un’occasione che rappresenta un modo originale per poter attuare un’opera di misericordia in questo Anno Santo.

Grande è stato l’entusiasmo e l’accoglienza dell’iniziativa da parte della direttrice del carcere  Barbara Lenzini e di tutti i suoi collaboratori tra educatori e agenti della Polizia Penitenziaria.

Il pranzo e il momento di festa saranno preceduti da un momento di preghiera e dalla celebrazione della Santa Messa a cura del cappellano del carcere don Francesco Tudini e di suor Benigna, la quale da sempre opera a favore dei detenuti.




Lascia un commento