Giro d’Italia, domani primo vero tappone di montagna: Castel di Sangro – Campo Felice



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Domani 16 maggio si correrà la tappa del Giro d’Italia Castel di Sangro – Campo Felice Rocca di Cambio di 158 chilometri è la tappa attesa da tutti i corridori che puntano alla conquista del Giro per salite da affrontare e dislivello di ben 4.000 metri da mettere nelle gambe.

La partenza da Castel di Sangro è inedita nella storia del Giro con ritrovo alle 10:55 in corso Vittorio Emanuele, la sfilata a turno delle squadre partecipanti, la partenza ufficiosa alle 12:15 e il via agonistico della tappa alle 12:25 dopo un trasferimento di 4800 metri per uscire dal centro cittadino di Castel di Sangro. 
È il primo vero tappone di montagna del Giro 2021 con pochi metri di pianura, pendenze severe, salite dure e molto lunghe collocate in cima ai gran premi della montagna di Passo Godi (1556 metri), Forca Caruso (1107) e Ovindoli (1457 metri).

A movimentare la corsa anche i due traguardi volanti di Celano e di Rocca di Cambio paese. La resa dei conti finale sull’ascesa conclusiva che porta all’inedito traguardo della stazione sciistica di Campo Felice, a quota 1655 metri, con gli ultimi 1800 metri lungo una strada sterrata.
L’arrivo è previsto tra le 17:00 e le 17:30. Rocca di Cambio è già stata sede di quattro arrivi di tappa della Corsa Rosa: 1965 vittoria di Luciano Galbo, 1966 il tedesco Rudi Altig, 1968 lo spagnolo Luis Pedro Santamarina  e nel 2012 Paolo Tiralongo (ultimo corridore italiano in ordine temporale a vincere una tappa del Giro in Abruzzo).