Giovanni Di Pangrazio è di nuovo Sindaco, Avezzano dice no alla Lega



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Il nuovo Sindaco di Avezzano è Giovanni Di Pangrazio che si impone con una vittoria netta. Il secondo turno, quello dedicato al ballottaggio, svoltosi nelle giornate di domenica 4 e lunedì 5 ottobre 2020, ha decretato la vittoria di Di Pangrazio. Al termine dello scrutinio i numeri sono chiari: Giovanni Di Pangrazio vince il ballottaggio con 10322 preferenze, pari al 58,45% dei votanti; Tiziano Genovesi raggiunge 7337 voti ossia il 41,55%. Per completezza dei dati: le schede bianche sono state 144 (0,79%) e le schede nulle 328 (1.81%).

Vale la pena rammentare che Giovanni Di Pangrazio e Tiziano Genovesi, dopo il primo turno, sono risultati i più votati dai cittadini di Avezzano e delle sue frazioni. Alla fine, la maggioranza degli aventi diritto, come si addice a un regime democratico, ha scelto e confermato colui che governerà Avezzano per i prossimi cinque anni, ossia Giovanni Di Pangrazio.

Nel corso della fase iniziale della tornata elettorale, quella che ha condotto al primo turno delle elezioni amministrative del Comune di Avezzano del 20 e 21 settembre 2020, i due candidati hanno avuto un approccio che potremmo definire, letteralmente, “politically correct” mostrando di nutrire l’uno per l’altro una sorta di elegante distacco, di misurato rispetto. L’atmosfera si è surriscaldata poco dopo l’esito delle urne: Giovanni Di Pangrazio ha ottenuto 8.033 preferenze e Tiziano Genovesi fermo a quota 5.470.

L’agone politico si è però infiammato da lì a poco. Entrambi i candidati, dopo aver festeggiato e dopo aver preso coscienza del ballottaggio che li avrebbe visti unici sfidanti, hanno iniziato a sferrare, l’uno contro l’altro, attacchi politici di una certa entità, senza lesinare critiche, addebiti e battute velenose. Accuse e contro-accuse sono volate da una parte e dall’altra, occupando le pagine dei giornali e dei social tra l’appoggio dei sostenitori e l’opposizione degli avversari.

Ad Avezzano si è respirata per giorni un’aria di tensione e di antagonismo quasi feroce, fino alle giornate del 4 e 5 ottobre, quelle riservate al voto per il ballottaggio. Come spesso accade in casi simili, i dati hanno evidenziato, fin da subito, un calo dei votanti: basti pensare che alla chiusura del seggio, alle ore 23:00 del 4 ottobre, la percentuale raggiungeva appena il 40,47%, mentre alla stessa ora del 20 settembre, la percentuale era del 56,46%.

In ogni caso, a prescindere dalla competizione elettorale, dai confronti serrati, dalla rivalità personale, ora Avezzano, dopo lunghi mesi di commissariamento, sotto la guida del dott. Mauro Passerotti, ha il suo Sindaco: Giovanni Di Pangrazio. Tutti i cittadini si augurano che Di Pangrazio possa lavorare serenamente per il bene della città e dei suoi abitanti e anche che Genovesi, seppur sconfitto e quindi destinato all’opposizione, riesca a condurre una politica costruttiva e propositiva.