Giovane cuoco avezzanese premiato a Riccione



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Orgoglio marsicano il giovane cuoco Luca Iacoboni, avezzanese di 21 anni che si aggiudica il terzo posto al sesto Trofeo Cuochi Romagnoli, un’importante competizione culinaria tenutasi a Riccione il 6 novembre 2017.

Luca Iacoboni da piccolo inizia ad appassionarsi a questo mondo, seguendo i programmi di cucina in televisione. Sceglie di iscriversi all’Istituto tecnico per geometri, ma ben presto si rende conto che non è quella la sua strada; perciò cambia completamente rotta e decide di seguire la sua grande aspirazione, iscrivendosi all’Istituto Alberghiero.

Giovane cuoco avezzanese premiato a Riccione
Nella foto, il piatto realizzato in gara da Luca

Nel 2014, in occasione dell’evento del Merano Wine Festival, ha l’opportunità di conoscere lo chef Marco Frassante, membro dell’Équipe Ufficiale Cuochi Emilia Romagna. Con lo chef Frassante, Luca inizierà a lavorare durante le stagioni estive presso l’Hotel Nettuno a Villamarina di Cesenatico, e Marco Frassante diventerà il suo maestro, che lo guiderà e lo seguirà durante il suo percorso di formazione. La svolta per il ventunenne avezzanese arriva con la partecipazione al sesto Trofeo Cuochi Romagnoli, organizzato dall’Associazione Cuochi Romagnoli, tenutosi all’Istituto Alberghiero “S. Savioli” di Riccione.

Il concorso, diviso in una sezione junior, riservata agli studenti e ai non professionisti, e in una sezione senior, riservata ai più pratici del mestiere, vede come obiettivo quello di trovare nuovi e capaci cuochi, motivati e determinati ad affrontare anche le possibili competizioni che si tengono all’estero con la squadra.

I cuochi si sono cimentati in 50 minuti di tempo nella preparazione di un piatto unico, secondo la tradizione della cucina internazionale, che si differenzia da quella italiana che prevede invece più piatti, ossia antipasto, primo, secondo, contorno e dessert.  Questo piatto unico doveva racchiudere in sé l’intero pasto, comprendendo proteine, vegetali e carboidrati, e bilanciando i vari sapori; i concorrenti potevano scegliere tre temi, ovvero carne, pesce o vegetariano, e la ricetta poteva essere inventata o rielaborata.

La giuria era composta dall‘Équipe Ufficiale Cuochi Emilia Romagna e da giudici internazionali Wacs per il Trofeo Cuochi Romagnoli; alla manifestazione hanno presenziato importanti esponenti della cucina italiana a livello di competizioni, a partire dal team manager della Nazionale Italiana Cuochi, lo chef pluripremiato Gaetano Ragunì e il suo secondo, Angelo Di Lena, chef del Grand Hotel di Cesenatico, vincitore di vari premi anche mondiali.

Luca, che in questo concorso si è aggiudicato il terzo posto nella categoria junior, aspira a proseguire la sua carriera nel mondo della cucina: il suo sogno è quello di entrare a far parte dell’Équipe Ufficiale Cuochi Emilia Romagna, di lavorare in hotel e continuare a partecipare a gare nazionali.




Lascia un commento