“Giornata della Cooperazione” alla Scuola Marini di Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Venerdì 27 maggio 2016, dalle ore 9.30 alle ore 12.30, nei locali della Scuola media Luigi Marini di Avezzano, più di trecento studenti, di sette Istituti della Marsica e della valle Roveto, accompagnati dai propri docenti, hanno dato vita alla “Giornata della cooperazione internazionale”, iniziativa conclusiva del progetto “Un solo mondo, un solo futuro, educare alla cittadinanza mondiale a scuola”, ovvero di un lungo percorso didattico su scala nazionale, sostenuto da MIUR e Ministero degli Affari Esteri, che ha visto la partecipazione di venti scuole abruzzesi e quaranta scuole marchigiane, coordinato dal CVM (Comunità Volontari per il Mondo).

ImmagineIl CVM è una ONG che opera per il sostegno delle popolazioni in Etiopia e in Tanzania, ma, parallelamente, interviene nelle scuole italiane lavorando alla formazione degli insegnanti, affinché acquisiscano gli strumenti necessari per rispondere ai bisogni di una società sempre più multiculturale e globalizzata. Essa è, infatti Ente accreditato dal Miur per la formazione dei docenti, sin dal 2002.
IL PROGETTO
Dopo un primo step di formazione per gli insegnanti, curato dalla prof.ssa Giovanna Cipollari, responsabile Formazione del CVM ed esperta di educazione interculturale, i ragazzi hanno visto l’intervento di Giorgio Guanciale, operatore CVM in Abruzzo, nelle diverse classi dei sette Istituti ed hanno realizzato attività laboratoriali sui temi di cooperazione, multiculturalismo, solidarietà, responsabilità alimentare, Sud del mondo, migrazione, integrazione. A conclusione del progetto, gli alunni hanno incontrato un volontario vissuto in Etiopia, Brian Ascani, che ha portato loro la sua testimonianza di cooperazione e di vita; a seguire, gli insegnanti hanno partecipato ad un cineforum presso la multisala Astra di Avezzano, con la visione del film “Terraferma” di Emanuele Crialese e la riflessione coordinata dal Direttore del CVM, Marian Lambert, sui temi della migrazione, dell’integrazione e della giustizia sociale. A conclusione del progetto la giornata di oggi, che ha visto i ragazzi i veri protagonisti dell’evento. Gli ampi spazi dell’ I.C. Collodi – Marini sono diventati luogo espositivo per tutti gli elaborati degli studenti.
Questi gli istituti coinvolti nel progetto:
I.C. Mazzini-Fermi di Avezzano – D.S. Fabiana Iacovitti – ins. referente Maria Rita Fracassi
I.C. Corradini-Pomilio di Avezzano D.S. Angelo Recina – ins. referente Sabrina Torti
I.C. Collodi-Marini di Avezzano – D.S. Piergiorgio Basile – ins. referente Simona Di Stefano
I.O. Tommaso da Celano – D.S. Vincenza Melina – ins. referente Armida Crocenzi
I.C. Mattei di Civitella Roveto – D.S. Maria Venuti – ins. referente Antonella Di Camillo
I.C. Sabin di Capistrello – D.S. Annamaria Fracassi – ins. referente Maria Rita Santucci
I.C. di Balsorano – D.S. Fernando Mazza – ins. referente Piera Di Cicco
«L’iniziativa è volta a formare cittadini consapevoli e “attivi”, poiché la società odierna è sempre più caratterizzata da problemi di carattere mondiale, tra i quali figurano i cambiamenti climatici, la questione ecologica, la disuguaglianza a ogni latitudine tra ricchi e poveri, i nuovi equilibri internazionali imposti dalla crisi finanziaria, sociale e politica. Questa nuova cultura richiede l’assunzione di nuove categorie mentali che rafforzino la relazione e il dialogo: senza, ogni sforzo viene vanificato. Per accorciare il tempo del conflitto occorre agire nella scuola» spiega Giovanna Cipollari, responsabile formazione Cvm.

PER ULTERIORI NOTIZIE SUL CVM www.cvm.an.it




Lascia un commento