Giallo Collinzio D’Orazio, spuntano una lettera anonima e due testimoni oculari



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Benedetto Dei Marsi – Colpo di scena nel caso di Collinzio D’Orazio, il 51enne scomparso da San Benedetto dei Marsi lo scorso primo febbraio è ritrovato cadavere dopo 23 giorni nel fiume Giovenco. Come rivelato dalla trasmissione Chi l’ha visto? è stata una lettera anonima, indirizzata agli inquirenti, a portare i militari sul luogo del ritrovamento del corpo.

Stando al contenuto della lettera, un uomo è una donna mentre erano appartati in auto la notte della scomparsa, hanno riferito di aver visto un’Audi A3 di colore grigio, vecchio modello, intorno all’una e 30, dirigersi verso il fiume Giovenco. In particolare, si legge nella lettera anonima, l’Audi A3 proveniva da via San Cipriano ed era diretta verso il fiume.

L’auto sequestrata dagli inquirenti ed analizzata nei giorni scorsi dal Ris, in uso ad uno dei due giovani indagati, coincide per modello con il veicolo descritto nella lettera anonima. Il giallo sulla morte di Collinzio D’Orazio sembra infittirsi ulteriormente. Chi è l’autore della lettera inviata agli inquirenti? Ci sono dei testimoni oculari circa la morte di Collinzio D’Orazio? E soprattutto, chi scrive la lettera potrebbe sapere qualcosa di più?