Gestione rifiuti, a Tagliacozzo in arrivo il regolamento per feste e sagre



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Un intervento «necessario»: così l’assessore alle politiche sociali Manuela Marletta commenta la bozza di regolamento che ridisegnerà le modalità di smaltimento dei rifiuti in occasione di feste, sagre e altre manifestazioni che si svolgeranno su tutto il territorio di Tagliacozzo, e di cui è cofirmataria insieme al consigliere di maggioranza per l’istruzione, la scuola e l’educazione Alessandra Di Girolamo.

Lo scopo è ridurre la produzione di rifiuti, disincentivare l’utilizzo della plastica in favore di materiali riciclabili, promuovere e ottimizzare il servizio di raccolta differenziata per tutti gli eventi che si svolgeranno nel capoluogo e frazioni e, di conseguenza, evitare che i costi di uno smaltimento scorretto ricadano sulle bollette dei cittadini. Attualmente il documento è in fase di progettazione grazie anche al coinvolgimento di tutte le parti interessate, pro loco e associazioni, che per un incontro preliminare sono state ricevute giovedì 7 giugno in sala consiliare. In questa occasione, dichiara il consigliere Di Girolamo, «è già stato possibile raccogliere una serie di osservazioni».

Nel corso dell’estate il nuovo regolamento sarà “testato” sul campo e verranno apportate opportune modifiche e integrazioni, poi sarà redatto nei mesi successivi prima di passare al vaglio della Commissione regolamenti e statuti e, infine, essere presentato in Consiglio per l’approvazione. Gli oneri saranno divisi tra il Comune e Segen Spa con parte delle risorse reperite dall’azienda per un programma di educazione ambientale, e la campagna di comunicazione è stata affidata alla cooperativa Sherpa. A loro vanno i ringraziamenti congiunti di Marletta e Di Girolamo per l’attenzione che hanno sempre dimostrato verso questi temi e la disponibilità a collaborare con le amministrazioni.




Lascia un commento