Futuro di Lfoundry, Uilm “Start-Up guidata dal sistema industriale cinese. Preoccupazione per lo sviluppo ed i livelli occupazionali”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano -Ieri nella sede della Confindustria dell’Aquila, dietro richiesta da parte delle segreterie e della RSU di stabilimento, si è svolto un incontro con la Direzione Aziendale.
“L’Azienda nella persona del dottor Galbiati ci ha illustrato quella che è oggi la situazione della trattativa sulla costituzione della nuova compagine societaria. Nell’ambito della riunione, l’Azienda ci ha comunicato che si sta delineando la possibilità di una grande Start-Up guidata completamente dal sistema industriale cinese e totalmente di proprietà dello stesso”.

“Le previsioni sono incentrate sul cambio di mix produttivo, che dovrebbe garantire il sostentamento e lo sviluppo dello stabilimento e dei livelli occupazionali.
Questo nuovo sistema fatto a tappe (che ha generato il ritardo del closing) è dovuto al fatto che si stanno elaborando tutte le soluzioni possibili per creare SOLIDITA’ ECONOMICA e diventare una vera e propria IDM”.

“Tutto ciò è stato riportato dall’Azienda e si dovrebbe concretizzare con il closing previsto per il 19 Luglio”.

“Come UILM – commenta il segretario Angelo Gallotti – auspichiamo che ciò che oggi ci è stato detto e riportato dall’Azienda avrà le dovute conferme per il futuro dello Stabilimento. Sicuramente ci sentiamo di rimarcare che, quando nel 2018 abbiamo sottoscritto i contratti di solidarietà, avevamo fatto la scelta migliore, nell’interesse di tutti. Una scelta di cui, purtroppo, oggi si vantano sigle sindacali che ai tempi decisero di non sottoscriverla. La UILM – conclude – ha sempre la capacità di guardare avanti”.