Frisina, Oddi e De Foglio in Cattedrale ad Avezzano per la Lectura Dantis



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

AvezzanoVenerdì ore 20,30 nella Parrocchia Cattedrale “San Bartolomeo Apostolo” di Avezzano andrà in scena la “Divina Bellezza” che vede come protagonista Dante Alighieri ed in particolar modo il XXXIII canto del Paradiso: l’ultimo canto delle tre Cantiche di Dante che si apre con la preghiera alla Vergine. La Lectura Dantis è il nome con cui si identifica la lettura ad alta voce, o declamazione pubblica, delle opere di Dante Alighieri, e, in particolare, dei canti della Divina Commedia.

La tradizione secolare della Lectura Dantis si fa risalire alle lezioni di Giovanni Boccaccio, iniziate in Orsanmichele, a Firenze, il 23 ottobre del 1373. Comprende sia la declamazione dei versi sia il loro commento, compiuti anche da persone diverse, e la recitazione può essere essa stessa considerata momento di interpretazione esegetica. In questo contesto si inseriscono il M° Mons. Marco Frisina, l’attore Corrado Oddi ed il M° Massimiliano De Foglio rispettivamente nella spiegazione, interpretazione e direzione musicale del canto dantesco.

Il M° Frisina si occuperà dell’interpretazione critica al fine di illustrare la meraviglia del canto XXXIII del Paradiso; Massimiliano De Foglio dirigerà l’Orchestra Giovanile della Diocesi dei Marsi supportata dal soprano Emanuela Marulli assieme ai maestri del coro Marco Di Girolamo e Gianmarco Di Cosimo con le corali F. Lolli e dei Giovani di AC. La voce recitante è affidata a Corrado Oddi che proporrà un concerto in voce recitante.

Il canto si aprirà con il canto alla Vergine messo in musica dal M° Frisina. L’ultimo canto della Commedia di Dante rappresenta il culmine dell’esperienza trascendente del personaggio-Dante e il vertice della sua poesia. Celebra la gloria della Trinità divina e il mistero dell’Incarnazione e tenta di spiegare ai mortali ciò che è impossibile descrivere: la visione finale del creatore dell’universo. L’ingresso è libero.




Lascia un commento