Fredde correnti settentrionali soffieranno sulla Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Intorno alla metà di questa settimana, una massa d’aria fredda di origine artico-marittima sarà sospinta verso i Balcani dal movimento dell’Anticiciclone delle Azzorre fino alla Scandinavia. Il fronte freddo si riverserà fino ai Balcani meridionali, interessando anche la nostra penisola, in particolare le regioni di nord-est e tutto il versante adriatico, ove soffieranno i venti di Bora (alto Adriatico) e di Grecale (basso Adriatico). In effetti, l’aria fredda sfiorerà l’Italia, attivando tese e fredde correnti nord-orientali appena dopo il transito del fronte perturbato.

L’Abruzzo sarà pienamente dominato da tali venti, i quali, sia all’inizio di questa settimana che intorno alla metà di quest’ultima, favoriranno una nuvolosità variabile, un’alternanza tra nuvole e ampi spazi di sereno sulla Marsica, mentre il cielo potrebbe presentarsi maggiormente nuvoloso sul versante adriatico dell’Appennino, ove non mancherà qualche isolato piovasco o acquazzone. Tra martedì e mercoledì qualche breve rovescio di pioggia lambirà anche la Marsica orientale e sud-orientale e le aree della Valle Peligna, per via dell’effetto stau “appenninico”. Questi isolati rovesci potrebbero essere nevosi soprattutto sulla cime della Majella, del Velino e del Gran Sasso, merito dell’anticipatoria irruzione d’aria più fredda in quota, pronta a provocare un brusco abbassamento sia delle temperature massime che minime. Il freddo si ripercuoterà sul nostro corpo soprattutto tramite la temperatura percepita in caso di vento e ci darà la sensazione che le temperature siano più basse di quanto possano essere.

Nelle giornate di giovedì e venerdì, le correnti instabili alimenteranno un vortice di bassa pressione, il quale darà vita a un peggioramento di stampo tardo-autunnale dai settori tirrenici alla nostra regione Abruzzo. Questo incisivo guasto delle condizioni meteorologiche potrebbe estendersi anche al fine settimana. Insomma, sembra che sia ora di fare il cambio d’armadio: “quando il Velino si mette il cappello, prendi il cappotto e tira fuori l’ombrello”.




Lascia un commento