mercoledì, 3 , Marzo

Emergenza sanitaria, Di Natale: “Le misure adottate non sono servite a molto. Soprattutto se nel frattempo è stato concesso di frequentarsi nelle proprie abitazioni...

Aielli – Una riflessione del Sindaco di Aielli Enzo Di Natale sull’attuale situazione dell’emergenza sanitaria ed in particolare sulla chiusura delle scuole, dei luoghi...

Prima pagina

Frase sulle donne di Raffaele Morelli, Daniela Senese della Casa delle donne nella Marsica: “la violenza trova le sue radici nella cultura che vede le donne come prede e gli uomini come predatori”

Avezzano – “Donna si preoccupi se gli uomini non le mettono gli occhi addosso” è la frase pronunciata dal noto psichiatra Raffaele Morelli all’emittente radiofonica RTL che ha destato moltissime critiche e polemiche in quanto ritenuta l’espressione di una visione sessista della femminilità.

Sull’argomento è intervenuta “La Casa delle Donne della Marsica” di Be Free Soc. Coop, una casa di accoglienza per le donne vittime di violenza finanziata dall’8permille della Chiesa Valdese e dalla Regione Abruzzo.

In molti si sono scandalizzati per le parole di Raffaele Morelli dicendo che sembra appena tornato dal Medioevo” commenta la Responsabile della Casa delle Donne nella Marsica, la dott.ssa Daniela Senese “invece Morelli, forse più sfacciatamente in questa occasione, ha espresso un dato culturale ancora purtroppo attuale. E lo ha fatto parlando di femminilità a sproposito e annaspando, anche col suo atteggiamento irrispettoso verso la Murgia. Tutto questo c’entra molto con la violenza che le donne subiscono nelle relazioni intime, violenza che trova le sue radici proprio in quella cultura che vede le donne come prede e gli uomini come predatori. Le donne come oggetto e non come soggettività”.

Anche Oria Gargano, Presidente di Be Free Soc. Coop contro le violenze e le discriminazioni, ha commentato il fatto.

Vorrei dire qualcosa sugli uomini che ti guardano per strada. Vorrei chiedere a Raffaele Morelli se con la sua eccelsa psicanalisi si è mai interrogato sui condizionamenti che bambine, ragazze, donne subiscono nella costruzione della loro identità, che deve essere confermata o sconfermata dal gradimento di uno sconfinato Maschile perentorio. Uomini che non conosci e che non ti conoscono che danno i voti al tuo aspetto, e sei terrorizzata se il voto è alto, perché ti senti una preda priva di difese, e ti senti annientata se il voto è negativo, perché ti senti negata come essere vivente sentiente pensante. Tutto al di fuori della relazione, perché parliamo di una popolazione casuale camminante per le strade divisa in due grandi categorie: quelli che hanno il potere di giudicare e quelle che debbono essere prezzate come bestie al mercato. Il grande psicoanalista si è mai chiesto quanto tutto questo incide sui processi di autoidentificazione femminile (e anche maschile)? Si è mai chiesto perché gli uomini si sentano autorizzati ad appalesare i propri gusti in fatto di apparenze femminili? E come fa a ritenere che una donna dovrebbe sentirsi gratificata da queste aggressioni fino al punto di doversi “preoccupare” se non viene importunata? Raffaele Morelli bocciato, su ogni piano” dichiara la Gargano.

Ultim'ora