fulv
Aspetti della giurisdizione delegata nella Marsica durante il viceregno spagnolo e austriaco
Non è facile svolgere un’analisi sistematica e comparata che possa aiutarci ad arricchire e precisare il giudizio, a volte ancora troppo generico, sul dominio dei Colonna nel territorio marsicano durante...
Grotta di Sant'Agata
La grotta di Sant'Agata
Una grossa cavità naturale posta sul versante acclive della Serra di Celano grotta di Sant’Agata Sopra la parte sommitale della rocca della Turris Caelani, sotto una grande sporgenza rocciosa...
bcvff
Luigi Colantoni (1843-1925), canonico, vicario capitolare e ispettore ai monumenti
Questo articolo su Luigi Colantoni segue quello interessante dell’amico Fiorenzo Amiconi apparso su Terre Marsicane lo scorso 24 dicembre 2019 e vuole essere una integrazione ed un completamento di quanto...
I banditi Marco Sciarra e Alfonso Piccolomini
Banditismo e rivolte nel territorio marsicano (1587-1592)
Il 19 aprile 1587 la popolazione di Colli di Montebove (allora solo Colli) chiese aiuto al vescovo dei Marsi perché tormentata lungamente da un gruppo di feroci banditi. A sua volta, il presule, diresse...
Santa Maria degli Angeli alle Croci Napoli  - anno 1580 -
Nicola Corsibono, nato nel 1848 a Napoli visse e dipinse a Tagliacozzo
Nasce in località San Carlo all’Arena (Napoli) alle ore venti del 3 ottobre del 1848 in quell’epoca l’intera regione si chiamava ancora “Regno delle due Sicilie”. Fu battezzato nella splendida chiesa barocca...
feud
Feudatari, banditi aristocratici e scorridori di campagna (1592-1707)
Prima di esaminare dati importanti, occorre trattare altri episodi legati alla feudalità che costituiranno poi un passaggio fondamentale nel raggiungimento di un equilibrio tra economia agraria e pastorale,...
WhatsApp Image 2024-03-29 at 11.03
Le confraternite di Celano e i riti della Settimana Santa
Le sei confraternite di Celano, a distanza di secoli dalla loro fondazione, sono ancora attive ed operanti. Tutte sono titolari di una propria chiesa la cui cura e gestione rappresenta l’impegno...
Il perduto borgo di Alba Fucens nel disegno e nel racconto dell'artista viaggiatore Edward Lear (1846)
Il perduto borgo di Alba Fucens nel disegno e nel racconto dell'artista viaggiatore Edward Lear (1846)
Alba Fucens – Tra le varie tavole litografiche che Edward Lear ha realizzato nella Marsica, una tra le più suggestive e affascinanti è quella dedicata al borgo di Alba Fucens, un paese che, purtroppo,...
Cerca
Close this search box.

“Fragmenta Curae”: intervista al Professore Alessandro Franceschini, responsabile del progetto

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelina Di Cosmo
Angelina Di Cosmo
Vedi necrologio
|
|

Avezzano. Raccontare le storie e le esperienze di malattia in luoghi di cura attraverso l’arte. Questo è lo scopo del nuovo progetto in Medical Humanities e Medicina Narrativa “Fragmenta Curae”, portato avanti dalla Casa di Cura “Di Lorenzo”.
Il concorso, aperto alle candidature fino al 31 gennaio 2018, è rivolto a tutti gli artisti  che con le loro opere pittoriche e fotografiche, ma anche narrative, vorranno rappresentare l’esperienza del dolore per aiutare i pazienti a rimettere insieme le parti di sé che la malattia spesso frammenta. «Quando si è malati – scriveva Virginia Woolf – le parole e le immagini sembrano possedere una qualità mistica >>.

Abbiamo parlato del progetto e delle sue finalità insieme al responsabile scientifico, il Dr. Alessandro Franceschini:

  • Quando e come nasce questo progetto?

Da qualche anno la Casa di cura “Di Lorenzo” ha avviato un articolato percorso formativo e di aggiornamento del proprio personale sanitario finalizzato a migliorare la qualità del rapporto operatore-paziente e a ridurre il rischio clinico e i casi di contenzioso legale. Così, in tale ambito, nell’ultimo anno si è deciso di prendere in considerazione anche il contributo specifico che in tal senso perviene alla medicina da parte delle scienze umane (come la filosofia, la letteratura, l’arte) e che fa riferimento all’ambito di studio e ricerca rappresentato dalle cosiddette Medical Humanities e, più nello specifico, dalla Medicina Narrativa. Dunque è in questo quadro di riferimento che si colloca il concorso d’arte e medicina “Fragmenta Curae” volto a recuperare due fondamentali aspetti del rapporto con il paziente: l’affidamento e l’empatia.

  • Che cosa intendete comunicare con “Fragmenta curae”?

Il concorso è finalizzato a promuovere la narrazione di vissuti di malattia e di cura attraverso l’arte figurativa (pittura e fotografia) e la scrittura (prosa e poesia), proprio per ristabilire, come già si accennava, quella fiducia tra paziente e operatore sanitario che è fondamentale anche ai fini dell’efficacia delle terapie. Riteniamo infatti che sia importante e particolarmente significativo dare voce a tutti i soggetti che entrano in gioco nella relazione di cura e che evidentemente hanno molto da dire, facendo emergere tutto il loro vissuto al di là del dato clinico riferito alla patologia con la quale hanno a che fare come ammalati oppure come curanti. L’atto della cura spesso risulta essere veloce e smarrito tra speranze e difficoltà e la possibilità di fermarsi a riflettere su di esso non può che rappresentare un potente strumento di miglioramento. Le testimonianze artistiche rappresenteranno dunque dei “frammenti” di quel fenomeno così complesso che è la cura e che oggi ha bisogno di riappropriarsi del suo volto più umano.

  • In che relazione sono l’arte e la scienza della medicina?

L’arte, e più in generale le discipline umanistiche e la medicina, sono state da sempre a stretto contatto. Basti pensare a tal riguardo come fino all’avvento della scienza empirica la figura del medico coincideva con quella del filosofo e che nello studio dell’anatomia umana il contributo più significativo fino ad un certo punto è stato proprio quello degli artisti come Michelangelo o Leonardo che si dedicavano allo studio del corpo umano su cadaveri per poter rappresentare al meglio i soggetti delle loro opere pittoriche. Ma in realtà l’affinità tra arte e medicina è vera anche tenendo conto altri aspetti, come la capacità del cosiddetto “occhio clinico” proprio del medico, fondamentale per saper svolgere l’esame obiettivo osservando, descrivendo ed interpretando i sintomi e i segni clinici del corpo così come, in maniera correlata, farebbe un critico d’arte nei confronti di un’opera, fino ad arrivare all’uso dell’arte stessa come efficace supporto terapeutico e stimolo di guarigione.

  • L’arte, nelle sue varie forme e nella storia ha avuto spesso un ruolo catartico, oltre che ermeneutico; pensA che, ad oggi, in un’era avanzata come questa che stiamo vivendo, possa assolvere ancora a questa funzione e anche nella medicina?

 Oggi si riscontra un’evidente deriva della medicina verso una iperspecializzazione tecnicista che spesso fa perdere di vista il fatto di avere a che fare con dei soggetti che sono molto di più della loro parte ammalata. È importante infatti ribadire che il professionista della sanità ha la responsabilità di farsi carico della cura dell’uomo tutto intero, pena l’efficacia della sua azione terapeutica che piuttosto che curare ed in alcuni casi guarire, reifica e spersonalizza gli ammalati e di conseguenza mina alla base l’esercizio stesso della professione medica. Dunque, stando così le cose, forse più che in altri tempi oggi, la fruizione artistica può offrire una restituzione di senso e la contemplazione del bello può contribuire al processo di accettazione ed integrazione del vissuto di malattia, quasi ad intervenire in soccorso della pratica medica, in alcuni casi caratterizzata da una spoliazione di umanità.

Per informazioni: concorsofragmentacurae@gmail.com

 

author avatar
Antonella valente

NEWS

unnamed (4)
433098538_1118298909600081_5736080247556925110_n
Compie 100 anni il sacerdote marsicano don Francesco Di Domenico
661cce8eac353
Gruppo cammini aperti
Un oro e due argenti per gli atleti dell'Asd MMa al Campionato italiano cadetti Kick Boxing 2024
Foto-di-gruppo-presso-Micron
FB_IMG_1713162782259
438224862_7647120195308665_1721757357637401617_n
IMG-20240414-WA0028
Serpari di Cocullo
conv
deaddogwalking
FB_IMG_1710446734494
carabinieri-arresto
a332341aaa00d2590fdf4c9edd41cb1e_870x400
Ovindoli
Il Prefetto Di Vincenzo espelle cittadino extracomunitario irregolare fermato a L'Aquila dai Carabinieri
Il maestro Tony Bertone e Carlotta Iulianella
Ritrovamento del Mammut
WhatsApp Image 2024-04-14 at 09.15
661b76980a756 (1)
Alexandra e Samuele eletti Sindaca e Presidente del Consiglio Comunale dei Giovani di Scurcola Marsicana
436467555_7388470954576519_7046944909500957622_n

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elia Gigli
Elia Gigli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Santino Taglieri
Santino Taglieri
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dott
Dott. Paolo Sante Cervellini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Loreta Carusi
Loreta Carusi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelina Di Cosmo
Angelina Di Cosmo
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina