Festa della Repubblica, sottoscritto il protocollo d’intesa “I 33 martiri di Capistrello”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Capistrello – È stato firmato stamane in Municipio, nel corso delle celebrazioni per la festa della Repubblica, un protocollo d’intesa che ha l’obiettivo di custodire e attualizzare la memoria dell’eccidio dei 33 martiri, avvenuto in paese il 4 giugno 1944 per mano delle truppe di occupazione tedesche, e di tutti i fatti testimoniali della Resistenza nel territorio della Marsica, soprattutto di quelli che hanno coinvolto la popolazione civile e indifesa, al fine di sviluppare la cultura della pace, della libertà e della democrazia.

Oltre al Comune di Capistrello, hanno aderito i comuni di Avezzano, Trasacco, Luco dei Marsi, Massa d’Albe, Canistro, Civitella Roveto, San Vincenzo Valle Roveto, Balsorano, l’A.N.P.I e l’associazione “Il Cammino dell’Accoglienza”. Negli anni, in collaborazione con l’ANPI Marsica e con il suo Presidente Emerito Antonio Rosini, il Comune di Capistrello ha sviluppato importanti iniziative e, dopo lunghe e approfondite ricerche, è stato insignito della medaglia d’oro al valore civile da parte del Presidente della Repubblica Italiana. Successivamente, altri Comuni, istituzioni e associazioni hanno manifestato l’interesse ad aderire alle costanti ed importanti iniziative culturali collegate alla memoria dei 33 martiri. Di qui la firma del protocollo.
I firmatari si impegnano a promuovere ogni anno la cerimonia di commemorazione del 25 aprile, la Festa della Liberazione e del 4 giugno; a coinvolgere le scuole, gli studenti e i giovani nella realizzazione di ricerche storiche e documentali relative al periodo bellico e alla Resistenza nel territorio della Marsica; a promuovere ed organizzare manifestazioni culturali.

Il Comune di Capistrello, capofila, avrà la veste di sede istituzionale del Protocollo e metterà a disposizione uno spazio operativo per le attività previste. Al termine della cerimonia in Comune, i presenti hanno raggiunto il monumento ai caduti nel piazzale della stazione per la deposizione della corona d’alloro.