“FAME DI PANE”Spettacolo teatrale e musicale



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Castello Orsini 

14 NOVEMBRE e  20  NOVEMBRE 2016:
“FAME DI PANE”Spettacolo teatrale e musicale originale con due attori e un forno con Francesco Sportelli e Alessia Tabacco. Regia Mario Fracassi. Acqua, sale, farina e lievito quattro elementi naturali e fondamentali per costruire un alimento antico e genuino, portatore di simboli e significati che appartengono a tutte le culture: il pane.

Spettacolo teatrale e musicale originale con due attori e un forno con Francesco Sportelli e Alessia Tabacco
Regia Mario Fracassi

Acqua, sale, farina e lievito quattro elementi naturali e fondamentali per costruire un alimento antico e genuino, portatore di simboli e significati che appartengono a tutte le culture: il pane.

Tino e Rosetta due panettieri buffi e strampalati, conducono i piccoli spettatori in un percorso di storie e leggende sul pane. Come è nato il primo pane? Con quanti semi diversi si può fare il pane?

Che cos’è la lievitazione? Perché il pane è così buono?

Le risposte a queste ed altre domande si snocciolano durante lo spettacolo attraverso le storie, le musiche e le canzoni originali.

Uno spettacolo che non sarà solo immaginato e raccontato, durante la narrazione verranno coinvolti tutti i sensi: il pane prenderà forma, odore e sapore!

Lo spettacolo può rappresentare un’occasione per sviluppare un percorso di educazione alimentare, per affrontare le tematiche legate al pane dal punto di vista interculturale e generazionale.

Si tratta di un modo giocoso per parlare di un cibo che tutti conosciamo, che sta alla base dell’alimentazione, per scoprire come si fa il pane, oggi, nei laboratori dei fornai, nella panetteria sotto casa e anche in casa.

Servono ancora terra, acqua, aria, fuoco, tempo e gesti delle mani?

Lo spettacolo è pensato per i bambini ma coinvolge anche le famiglie ed è liberamente tratto dal testo “Fame di pane” di Giusi Quarenghi.




Lascia un commento