Erano accusate di furto aggravato, assolte due coppie di coniugi



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Erano stati accusati di furto aggravato ma sono stati assolti dal giudice monocratico del Tribunale di Avezzano. Protagonisti della vicenda due coppie di coniugi.

L’episodio è avvenuto nel marzo del 2013 a Cappelle dei Marsi. I quattro, secondo l’accusa,avrebbero preso di mira un capannone abbandonato nella zona industriale che conteneva una grande quantità di rame che è stato preso di mira. Secondo gli inquirenti, i malviventi si sarebbero introdotti nell’azienda ed avrebbero caricato su un mezzo oltre 10 kg di rame.

Per questo motivo i quattro, rappresentati dagli avvocati Luca e Pasquale Motta, Domenico Quadrato, Antonello Simone e Silvia Tiburzi, sono finiti davanti al giudice monocratico del Tribunale di Avezzano che ha pronunciato una sentenza di non doversi procedere per mancanza di querela.




Lascia un commento