Ennesimo incidente sulla strada oggetto di tante polemiche a San Pelino



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Ennesimo incidente sulla strada oggetto di tante polemiche a San Pelino.

Stamattina, verso le 9.30, un pullman, nel punto più stretto di via Monte Cervaro, si è schiantato con violenza ed ha frantumato la pensilina di una casa.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale per i rilevamenti. Secondo una prima ricostruzione l’autista del mezzo sarebbe stato costretto ad una manovra azzardata per evitare un’altra macchina che veniva in senso opposto, con la destra occupata. Non fermandosi, la macchina ha continuato la sua corsa invadendo la corsia opposta, e costringendo quindi il conducente dell’autobus a sterzare verso il muro.

Per fortuna nessun ferito (sia perché il bus era vuoto sia perché non sopraggiungeva nessun pedone), ma il problema di questa strada è da anni che viene sottoposto all’attenzione del settore Urbanistica; i residenti hanno fatto una serie di esposti denunciando l’alta velocità delle automobili, non curanti delle dimensioni della strada e del fatto che sia un centro abitato.

Anni addietro questo tratto di strada, davanti al civico 114, è stato oggetto di incidenti, di cui uno mortale.

In questo punto, c’è una semicurva che impedisce la visuale sia a chi sopraggiunge da Celano, sia a chi proviene dal lato opposto. Non solo.

C’è anche l’entrata e l’uscita ai box delle case popolari, nello stesso punto dove la strada si stringe.

In questa residenza ci sono molti bambini, la presenza dei dossi rallentatori è inesistente in questo tratto (poiché la strada è troppo stretta) e quelli posti all’inizio di via Monte Cervaro (al passaggio al livello di Paterno), sono praticamente inutili, perché la gente non rallenta.

Fortunatamente i bambini erano a scuola, pedoni non ce ne erano: ma se aspettiamo che succeda qualcosa di più grave, il problema non diventerà solo di burocrazia lenta ma una responsabilità civica. Speriamo che gli organi competenti facciano il loro dovere. (S.C.)




Lascia un commento