Emergenza Covid-19. Marsilio dispone la rimodulazione dei ricoveri per interventi chirurgici

Abruzzo – L’ultima ordinanza del Presidente della Giunta Regionale, Marco Marsilio, la n. 97/2020, predispone la rimodulazione, variabile a seconda delle specifiche esigenze organizzative delle Aziende Sanitarie Locali, dei ricoveri per interventi chirurgici programmati. Con tale scelta si tenta di favorire il massimo impiego possibile delle terapie intensive e subintensive e la disponibilità di personale sanitario per l’emergenza Covid-19. La rimodulazione, secondo quanto stabilito nell’ordinanza, è valida per tutti i ricoveri per interventi chirurgici programmati, fatta eccezione degli interventi oncoematologici di classe A o di alta specialità non rinviabili a giudizio motivato del clinico e fatte salve specifiche condizioni di inderogabilità motivate dalle peculiarità organizzative delle ASL.

A seguire, il provvedimento stabilisce anche che i Direttori Sanitari Aziendali, tramite le Direzioni Sanitarie di Presidio, provvedano ad incrementare i posti letto di Terapia Intensiva, Malattie Infettive, Pneumologia ed Area Medica subintensiva dei Presidi Ospedalieri pubblici, tramite il reimpiego del personale reso disponibile dalla rimodulazione dei ricoveri elettivi.

La necessità di predisporre tali procedimenti scaturisce anche dalla considerazione dell’indice Rt medio che in Abruzzo è ormai dell’1.4, con intervallo di confidenza della stima in ulteriore crescita nei valori minimi e massimi (0,87-2,27). In sostanza l’Abruzzo è tra le Regioni ad alto rischio di trasmissione del contagio, con possibilità di progredire a rischio molto alto nel corso del mese di novembre. Per questo, si legge nel dispositivo dell’ord. 97/2020, “si profila, per quanto argomentato, una situazione di criticità nel territorio regionale, evidenziata anche nei verbali del Gruppo Tecnico-Scientifico regionale istituito ai sensi della DGR 139 dell’11 marzo 2020, per la quale appare necessario rafforzare fortemente le misure di mitigazione, alla luce delle osservazioni e del trend nazionale e internazionale di crescita della curva dei contagi“.