Elezioni Cappadocia, Lucilla Lilli: “Lorenzin ha copiato il mio programma del 2012, ecco le prove”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Cappadocia. “Il programma elettorale è stato copiato, ecco i documenti, è visibile a tutti”.

Lucilla Lilli, ex sindaco di Cappadocia, attualmente candidata a primo cittadino con la lista “Un paese che cresce”, ha letto bene i programmi dei suoi due “avversari” politici ed è sconcertata e delusa dopo aver “notato” che i punti del programma del candidato Lorenzo Lorenzin, poliziotto a capo della lista “Cappadocia del cuore” (fratello del ministro alla Salute Beatrice Lorenzin)sono stati presi con tutta evidenza dal suo programma del 2012.

“Ho immediatamente notato un linguaggio familiare, infatti lo avevo scritto io insieme al mio precedente gruppo del 2012”, dice Lilli, “sono riuscita ad evidenziare ben 20 passaggi, praticamente tutto il programma, nei quali sono riportate esattamente le parole e le espressioni da me usate, ricopiando addirittura la punteggiatura e le parentesi!”.
“Trovo gravissimo l’accaduto per due considerazioni”, va avanti la candidata sindaco Lilli, “Uno, non è farina del suo sacco: è evidente che Lorenzin non ha scritto il suo programma amministrativo ma il compitino glielo hanno fatto i suoi collaboratori, quindi dove sono le sue idee innovative, i suoi grandi progetti per Cappadocia? Due”; incalza, “il suo prezioso e qualificato staff non è stato capace di elaborare una sola idea, non c’è nulla di autentico o innovativo nel programma presentato agli elettori, è tutto copiato! Ma proprio da me volevate copiare?”.
“Sono molto delusa che la proposta che Lorenzin presenta agli elettori sia sostanzialmente la stessa da me presentata 5 anni fa”, conclude, “Mi aspettavo molto di più di un banale copia e incolla!”.

LE FOTO DEI DUE PROGRAMMI MESSI A CONFRONTO:

Il candidato Massotti sul programma fotocopia di Lorenzin: “Fatto paradossale”




Lascia un commento