Elezioni amministrative ad Avezzano, per Forza Italia spunta il nome di Armando Floris



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Un colpo di scena? Forse per qualcuno sì ma per molti altri no. E’ stato fatto in un incontro di poche ore fa, tra gli esponenti di Forza Italia, come papabile per le prossime elezioni comunali di Avezzano, il nome di Armando Floris.

Maurizio Bianchini, coordinatore comunale di Forza Italia e vice coordinatore regionale, il consigliere regionale Emilio Iampieri ma soprattutto il coordinatore provinciale Ncd Massimo Verrecchia a quanto pare non “gradirebbero” la candidatura del manager assicurativo Gabriele De Angelis e quindi vorrebbero puntare su qualcuno più vicino alla “storica” politica della città.

E così potrebbe andare a genio la candidatura di Floris, che oltre ad essere il figlio dell’ex sindaco Antonio Floris, è cresciuto nelle più esclusive scuole di politica. Già ex consigliere provinciale, Floris, 38 anni, è attualmente nel cda del Consorzio acquedottistico marsicano.

Coach professionista e formatore, laureato in Giurisprudenza e diplomato alla Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching, Floris però non piacerebbe troppo agli oppositori Felicia Mazzocchi (consigliere provinciale) e a Claudio Tonelli (consigliere comunale) che invece confiderebbero di più nella figura di De Angelis, uomo politico ormai visto dai partiti come “il fumo negli occhi” per caparbietà e audacia.

De Angelis, candidato nelle liste di Lorenzo De Cesare, nel 2012, per un paio di anni è stato assessore nell’amministrazione di Di Pangrazio. Quando si ritrovò “attaccato” dal sindaco, pubblicamente sui giornali, sulla “mancata” comunicazione tra uffici e politica per la gestione delle strade da sistemare ad Avezzano tra buche e opere di urbanizzazione, non esitò a chiudere senza troppi “se”, “ma” e “imbarazzi” del caso, la sua parentesi politica nella giunta.

E proprio il fatto di essere passato nella vita amministrativa di Di Pangrazio pare non piacerebbe a Verrecchia.

Cosa pensa della querelle l’onorevole Filippo Piccone ancora non si sa ma, indubbiamente, volente o nolente, è innegabile quanto conti il suo orientamento.

Tutto tace, più o meno e forse ancora per molto poco, da parte dello storico politico avezzanese Ezio Stati i cui voti fanno gola un po’ a tutti e dal Movimento Cinque Stelle, la cui recente storia insegna che potrebbe acquisire i consensi di chi vuole a tutti i costi “il nuovo che avanza”.

Altro volto certo, come candidato sindaco, dovrebbe essere quello dell’imprenditore locale Nazzareno Di Matteo, che ha la forza di aver dato il volto alle battaglie politiche per la legalità nella città di Avezzano. Dove e come correrà invece l’avvocato Leonardo Casciere, ex presidente della Camera penale di Avezzano, è ancora tutto da chiarire. Ma ci siamo quasi.

 

 




Lascia un commento