Ecco i cani più belli della “Sfilata dei campioni”. Falco sale sul gradino più alto del podio



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano. Grande festa a Celano, con la “Sfilata dei campioni”, che si è tenuta al parco commerciale Le Ginestre.

Una giuria di grandi e piccoli ha selezionato i cani più belli, più educati e meglio addestrati, che per tutto il pomeriggio si sono fatti ammirare dai presenti, nonostante il caldo.

L’evento è stato organizzato in collaborazione dal negozio specializzato per animali di Celano Pitipet, di Alessandro Contestabile e Berenice Paris e dall’associazione che ha sede ad Ovindoli One Love che si occupa di addestramento, educazione e attività cinofile per i cani. Per l’associazione a Celano c’erano Francesca Calabrese e Daniela Proietti.

In giuria: Maria D’AndreaBeatrice Falcone e Isabella Riposo per i piccoli; per i grandi:
Ennio Di Carlo e Eleonora D’Angelo, veterinari avezzanesi e la giornalista Magda Tirabassi
Sul gradino più alto del podio è salito un pastore tedesco di un anno, del celanese Giuseppe Testa. Falco, questo il suo nome, è stato il più apprezzato per “educazione” e bellezza.
“Con questo evento che ci ha fatto divertire e ci ha dato dimostrazione di come tante persone amano gli animali”, commenta Alessandro Contestabile, “speriamo che tra la comunità si diffonda anche un maggior senso di responsabilità nei confronti dei nostri amici a quattro zampe. Il fenomeno dell’abbandono è tanto spregevole quanto comune, purtroppo, basterebbe che le persone si informassero per sapere che basta contattare i Comune per far prendere in carico i cani senza doverli abbandonare. Poi ci sono tante associazioni di volontari che dopo potrebbero intervenire. e invece, sempre più spesso ci ritroviamo i cani abbandonati anche davanti alla porta del negozio. Malnutriti e disidratati. Queste manifestazioni le ripeteremo sempre più spesso in modo che si riesca a diffondere un messaggio che dissuada da questi atteggiamenti”.




Lascia un commento