E’ Pasquale Gentile il vincitore del Ventiduesimo Festival di Avezzano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – E’ Pasquale Gentile il vincitore della Ventiduesima Edizione del Festival di Avezzano. Il giovane talento ha sbaragliato la concorrenza con il brano “Siamo Noi La Legge”.

Al secondo posto si è classificata Arianna Torti. Per lei una buonissima presenza scenica accompagnata ad una hit radio vincente.

Al terzo posto si è classificato Lorenzo Martelli con il brano “La vita sorprende”.

Il Premio rivelazione non poteva che essere assegnato a Micheal Zappitelli, che ha letteralmente stregato con la sua voce l’intero pubblico in sala, meritandosi un lungo e sentito applauso.

Tutti i vincitori: il  Premio Vitruvio Pollione è andato a Nicoletta Scarpinella;  il Premio Stampa Nazionale We-News testata giornalistica e casa editrice è andato a Marco Gemma; il Premio Malandra Strumenti Musicali Microfono D’Argento è andato ad Ermanno Piccone; il Premio Witel miglior arrangiamento, è andato a Lorena Bianchi; il Premio Nuova Famacia Di Gregorio per miglior testo è andato ad Alissa Vitale.

Nel corso della serata è stato assegnato il Premio Civiltà dei MarsiGianni Letta, ex sottosegretario alla presidenza del consiglio, Gianni Mazza, noto direttore d’orchestra, Pinuccio Pirazzoli, attuale direttore musicale del Festival di Sanremo, Lino Guanciale, attore di teatro e cinema, Alessia Fabiani, ex letterina di Passaparola e nota showgirl, e infine Mattia Lever, vincitore dell’ultima edizione di Ti lascio una canzone.

E’ stata indubbiamente un’eccezionale edizione di questa storica kermesse, che va migliorandosi anno per anno sempre di più. Saranno gli ospiti illustri, il carattere nazionale del concorso canoro, le capacità straordinarie di un conduttore televisivo di altissimo livello come Luca Di Nicola, in grado di muovere ogni anno una macchina che ha bisogno di quasi 9-10 mesi per scaldare i motori, e fare tutti i giri di prova necessari per presentarsi impeccabile in pole position ad ogni primavera. Resta il fatto che il successo è da 22 anni sempre maggiore.

Foto Manuel Conti




Lascia un commento