Droga sotterrata nel Fucino. Giro d’affari di circa mezzo milione di euro l’anno



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – E’ fissata per il 30 ottobre, al tribunale dell’Aquila, l’udienza preliminare del processo a carico di 19 persone, per lo più di origine marocchina, accusate del reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. L’inchiesta, avviata nel 2016, contava inizialmente 33 indagati.

Secondo l’accusa, la droga veniva nascosta in barattoli di vetro e poi veniva sotterrata nel Fucino. Lo spaccio avveniva nei territori di Avezzano, Celano, Scurcola Marsicana, L’Aquila, Milano e Teramo ed il giro d’affari era di circa mezzo milione di euro l’anno.

Un ruolo apicale all’interno del sodalizio era assunto da Youssef Bya e la coniuge, marsicana.

Droga sotterrata nel Fucino. Giro d’affari di circa mezzo milione di euro l’anno
Avvocato Mario Del Pretaro

Loro detenevano poteri direttivi, organizzativi e decisionali in riferimento alla scelta dei fornitori, degli acquirenti e delle modalità di spaccio. Si occupavano, inoltre, di stabilire i prezzi della sostanza stupefacente e organizzavano il trasporto per lo spaccio nel territorio.

Le indagini sono state coordinate dai sostituti procuratori dell’Aquila, Fabio Picuti, e di Avezzano, Lara Seccacini.

Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Mario Del Pretaro, Luca e Pasquale Motta, Roberto Verdecchia, Mauro Ceci, Lorenzo Ciccarelli, Francesco Olivieri, Romolo Longo, Ester Cornacchia e Alessandro Rosa.